E il vaffanculo del 2015 va a …

Se non vi va di leggere improperi, insulti, parolacce, malignità (forse) senza senso, allora è questo il momento di andare, via dal cazzo , ADESSO.

Si, il 2015 è stato un bell’anno di merda se si guarda a certi periodi. Se invece consideriamo il fatto che potevo anche non arrivarci alla fine (o quasi) allora è un anno BELLISSIMO. Ma si sa, in tutte le cose ci sono due facce, più di due magari, diversi punti di vista.

Però una cosa mi mancava, e non ne posso fare a meno proprio oggi.

Mi mancava di mandare a fare in culo un po’ di gente, anche solo “virtualmente”, anche solo nella mia testa mentre scrivo, anche in ordine sparso, anche chi forse non se lo merita ma tanto prima o poi se lo meriterà.

Perché a dirla tutta basta poco, basta davvero poco a meritarselo. Basta pensare con la testa inondata di merda, basta parlare con la bocca piena di fumo e polpette avariate. Basta sentirsi in God Mode quando hai praticamente il carisma di una zecca depressa. Basta fermarsi a quello che vedi davanti a te e non ti basterebbe un Hubble per vedere un puntino un più, siete ciechi come una talpa del cazzo quando scende la sera. Ma soprattutto le parole, e i pensieri, e la FERMA CONVINZIONE che mi freghi un cazzo di voi, questo è quello che vi fotte il cervello.

Perché io ho in testa tante cose, e voi non ci siete e non sarete mai, nemmeno quando chiudo gli occhi e provo a immaginarmi la più grande delle stronzate. Nemmeno quella.

Può essere chiaro così ?

Vi sono sembrato duro ? Non avete visto un cazzo ancora.

Buon fine 2015, coglioni.

E ora comunicazione di servizio:

Questi due sono grandi ormai, ma per me, per noi, sono sempre piccoli così. E, fatemelo dire, non li batte nessuno.

Non ci provate nemmeno, stronzi, non ce la farete a batterli.

Grazie!

noidue

HASTA

 

Share on ..Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *