A qualcuno piace caldo (?) ….

Il caldo d? alla testa alle persone, almeno a certe persone. E quindi, mentre si discute di “rimbalzare i clandestini” (vieni sotto casa, vedrai Renzo cosa ti ti toccher? rimbalzare: non ti piacer?!) , si discute di “rivedere certi patti”, si discute se ammettere o meno gli insegnanti di religione agli scrutini (?), qui in casa si discute se sia meglio il ventilatore o il condizionatore. Poi puntualmente, ma non sempre sempre per fortuna, si decide per il ventilatore che fa pi? “eco-bio” e sicuramente strizza l’occhio al portafogli. Gi?, parliamone: per il secondo mese consecutivo sono riuscito a farmi del male beccando l’ennesima multa per eccesso di velocit?. Tutto questo per affossare ulteriormente lo stipendio … per? non mi voglio lamentare visto che siamo sempre qui, abbiamo ancora il lavoro, produciamo (?) andiamo avanti. Ho usato il plurale ? B? scherzavo … la mia met? ? ancora in dubbio se scegliere di lavorare 6 ore a settimana (!!) e rimetterci magari tutti i soldi in viaggi? oppure non lavorare affatto. Di chi ? la colpa ? Potremmo dire di MSG ma non sarebbe la sola, la verit? ? che ancora una volta ? colpa nostra, del nostro voto perso, del nostro stare zitti di fronte a cose che IN QUALSIASI ALTRO POSTO DELLA TERRA sarebbe considerato come minimo uno schiaffo a tutto quello che NOI CON I PIEDI PER TERRA E NON SUI PEDALI DELLA MOTO DI CORONA facciamo ogni giorno. E’ chiaro che poi la gente butta le bottiglie di vetro nel mare di Capri, ? chiaro che poi la gente arriva con il 4×4 in spiaggia pensando sia il giardino di casa sua. Ma anzich? rimbalzare sti poveracci non si potrebbe cominciare a spaccare la faccia a qualcuno di nostri ? Scusate, stasera mi sento un p? leghista … fa niente, prender? una bella mazzetta e far? a pezzi il mio iPod mini che per colpa di una batteria taroccata per poco non mi scoppia in mano (b? almeno ha resistito 4 anni !)

Fa caldooooooooooooo !! Mi sa che stasera ? la seratabuona per il climatizzatore ….

HASTA

Share on ..Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *