The 2020 experiment 46/365

Continuate a deridere.
Però non sapete che io vi vedo e vi sento.
Non sapete che vi giudico per quello che siete.
Non sapete che, alla fine, noi resteremo e voi no.
Non sapete cosa farvene delle giornate eppure pensate di saperlo.
Pensate di spiegarcelo anche.
Illusi.
A volte, non vi sento neanche più.
Riesco a non sentirvi più.
Non mi mancherete.

I lavori vanno avanti, siamo sempre di corsa, ma vorrei dire che mi diverto, ma davvero tanto. I bimbi sono felici e meravigliosi!
Mi ricorderò di te, febbraio 2020 per il mal di schiena…

 

Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Ora siamo medici e architetti
E portieri, professori
Matematici e fiorai
Batteristi, chitarristi
Corridori, giornalisti
Viaggiatori, avvocati
Camerieri, impiegati
Muratori, tuffatori
Pensionati ed operai

Ma prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Delicati, profumati
Innamorati, sospesi
Ottimisti, pessimisti
Idealisti, mai arresi
Coraggiosi, spaventati
Sempre illusi e sempre eroi

Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Prima eravamo ragazzi
Ora siamo diventati adulti
Il futuro ci ha afferrato
E ci ha trasportati qua
Costruiamo, ristudiamo
Programmiamo, curiamo
Comprendiamo, decidiamo
Proteggiamo, scegliamo
Dentro il mare delle cose
E delle possibilità

Ma prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Splendevamo, brillavamo
Correvano, bruciavamo
Scoprivamo, crescevamo
Provavamo, sbagliavamo
Eravamo ancora niente
E tutto stava dentro noi

Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Delicati, profumati
Innamorati, sospesi
Ottimisti, pessimisti
Idealisti, mai arresi
Coraggiosi, spaventati
Sempre illusi e sempre eroi

Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi
Prima eravamo ragazzi

Ragazzi – Giovanni Truppi – Poesia e civiltà (2019)

The 2020 experiment 11/365

Andare o non andare, questo è il problema!
Prenderli o non prenderli sti biglietti per i Pearl Jam: questo è il problema!

Alla fine l’anno scorso non sono riuscito ad andare a vedere i Tool e i Cure e quindi la risposta esatta è: basta mega-concerti che poi ti stanchi e torni a casa alle 3 di notte e l’indomani c’hai da lavorare!

Però è bello sapere che faranno un nuovo album che uscirà in primavera.

Ho scritto una mail stasera, è un primo contatto. Se qualcosa si muoverà, ne parlerò anche qui.

Per ora, mentre 2/4 della famiglia già dorme, questa macchinina qui:

Mi ricorda tantissimo quelle (storte) che facevo io da piccolo. Avevo pochi pezzi, riciclati da chissà chi, ma ne facevo di bellissime.
Ero triste perché inventavo sempre delle storie fantastiche e avventure della polizia con inseguimenti fantasmagorici, ma mio padre mi rimproverava perché facevo suoni “stupidi”, facevo tutto da me, le sirene, lo stridere delle gomme, le esplosioni ed i colpi e … e bisognerebbe lasciarli un po immaginare i nostri bimbi. Ora vado ad abbracciare il mio anche se dorme.

“La vita è una stella cadente che illumina il cielo e poi sparisce”

HASTA

The 2020 experiment 1/365

Così iniziamo un nuovo anno. E allora proviamo con una sfida.
Un articolo/mini-articolo al giorno.
Preciso: scrivo oggi che siamo al 10 e quindi sono già 10 giorni indietro ma mi sono segnato qualcosa e quindi posso recuperare, posso farcela.

E allora si parte.
Il 2020 inizia con le “scintille”, quelle che si accendono ogni volta che ci abbracciamo tutti e 4 insieme.
Per questo posto questo video:

Perché anche se non è proprio il mio genere, mi farà bene ricordare la serata a teatro Ventidio Basso, l’ANFASS, e i saltelli dei piccoli ogni volta che la sentono.
Facciamo che quest’anno lo riempiamo di scintille?

HASTA

I am never anywhere / Anywhere I go / When I’m home I’m never there / Long enough to know.

Sforzo sovrumano. Scrivere, di nuovo.
Mi mancava e avrò cominciato questa bozza una decina di volte. Stasera sono seduto, giaccone addosso per non sentire freddo, fa freddo fuori, fa freddo dentro.

E’ difficile la sera, siamo sempre stanchi, la vita ci schiaccia, i bimbi ci assorbono. Eppure, come tanto tempo fa, questo è il mio posto, è il posto che devo riconquistare se non voglio affondare. Quindi, qualche parola, proprio a caso, come mi viene.

Volevo dire che vi vedo, la sera, come stasera, io magari vado via, a casa, a riabbracciare i miei figli e voi arrivate. So cosa fate, avete (scusate la rappresentazione semplificata) tutte lo stesso viso stanco, occhialuto, magari la stessa marca di sigarette in bocca, accesa. Lo so, mia madre ha fatto questo “lavoro” in casa per quasi tutta la vita e ora non ce la fa più, le ginocchia sono da buttare la schiena pure. Quindi, volevo solo dirvi che vi vedo, vi capisco, vi vorrei anche abbracciare a volte. Così, per vedere che effetto mi fa.

Non puoi essere sempre arrabbiato, è vero. No davvero, non puoi. Nemmeno quando sei stanco da far schifo. Nemmeno quando sai che ci sarebbe bisogno di arrabbiarsi. Non puoi perché domani magari non ci sarai, e se non ci sarai allora come faranno? Dove ti cercheranno. Se riguardo alcuni dei post che ho recuperato da Altervista o simili, ero sempre arrabbiato. Mandavo tutto e tutti affanculo. Ora vorrei davvero avere la certezza che domani potrò dare un bacio a Flavio e Ada. La certezza. Chiedo troppo perché nulla è in mano mia, il controllo è un’illusione. Ma almeno: “Papà, non puoi essere sempre arrabbiato“.

E’ arrivato il 4 Marzo. Cambierà la nostra vita, ancora una volta. Eppure sarà bello, sarà merito del giardino, del salta salta , della tartaruga, della voglia di seminare, raccogliere, mangiare, ri -seminare, ri-raccogliere, ri-mangiare, della voglia di arrostire, della voglia di sedersi all’ombra, aspettando la sera. Questa è la nostra nuova casa … sarà bello, sarà per voi, per noi.

L’altra sera ti sei addormentato mentre ti leggevo questo libro, era già il secondo della serata e non ce la facevi più. Ho finito di leggerlo, anche se dormivi già. Per me.

Esperimenti sociali. Aggiungersi ad un gruppo whatsapp di gente che non vedi da 40 anni. Per sentirsi giovane. Per sentire che, qualche volta, ho fatto delle scelte giuste. Per sentire che forse avrei dovuto farne altre. Ma ogni scelta è una rinuncia, è una strada presa e altre 100 mancate.

A volte mi fermo, lo confesso, a fantasticare su ridimensionamenti apocalittici della mia vita, catastrofi, separazioni, melodrammi, esplosioni.
Non è nulla, serve solo ad allentare la tensione, poi passa.

Avevo altre idee, altre cose che mi passavano per la testa. E’ arrivata l’ora di dormire.

Ah già… qui avevo ipotizzato di poter parlare di quello che mi ricordavo. Posso ricominciare da qui allora!

HASTA

 

Don’t be the problem, be the solution …

Più di un mese.
Però siamo ancora in ballo…la rete va a singhiozzo stasera e così anche le parole, le battute.
Però:

  • Sono riuscito in questo mese ad accaparrarmi i biglietti per ben 2(!) concerti a giugno, per il Firenze Rocks:
    • The Cure
    • Tool
    • Sarà dura ma ce la farò … peccato non essermi ricordato di aver promesso di andare solo a concerti “piccoli” (tipo quello del grandissimo Grant Lee Philips). L’avevo promesso a me stesso dopo la faticaccia che avevo fatto per i Pearl Jam a Milano e dopo aver perso innumerevoli concerti che meritavano (vedi i Japandroids).
  • Anche quest’anno mi impegnerò ad essere “il miglior rappresentante di classe” del mondo, o meglio, rimanendo un po’ di più con i piedi per terra, mi impegnerò come unico rappresentante di classe della 1A a Spianate . In realtà, mi sarebbe piaciuto molto far parte del consiglio d’istituto ma per questa tornata non penso di farcela, aspettiamo tempi migliori.
  • Sono riuscito ad arrabbiarmi di meno? Forse no. Forse si, ma solo negli ultimissimi giorni. Ma forse no. Forse non ho speranza, ma la sera mi torna il sorriso. Ho voglia di stare vicino ai miei bimbi, di abbracciarli e guardarli giocare. Poi raccolgo tutto, mi inginocchio, la schiena mi fa male, gli occhi mi bruciano chi se ne frega, ho le loro mani nelle mie.
  • Ho iniziato a scrivere (intendo scrivere davvero, su carta) un po’ di cose che mi ricordo, di quando ero piccolo o giovane o comunque … di tanti anni fa. Ho paura di dimenticarmele, ho paura che mi scivolino via, non ho mai avuto una buona memoria. E vorrei iniziare a fare dei mini-post su queste cose perchè ho sperimentato che me ne vengono in mente tante altre se le butto giù. Comincio domani 🙂

HASTA

Bravissimo …

Sono state settimane frenetiche.
Qualcosa ho scritto ma sempre in “privato”. Ma ora devo uscire dal guscio, troppo tempo è passato.
Ne sento proprio il bisogno, tante cose sono successe e sono cambiate o stanno cambiando. Vale la pena raccontarle, anche se non le leggerà nessuno.

  • Il venerdì sera è “il giorno del post”.
    Dopo aver ritrovato un vecchio link mi sono reso conto di quante parole avevo scritto e quanto scrivevo tanto tempo fa.
    Un piccolo impegno, una volta a settimana. Venerdì arrivo davvero stanco ma devo trovare il tempo almeno di iniziare un post!
  • Flavio ha iniziato la Scuola Elementare e … “Mi piace andare a scuola” (cit.) Sembra davvero contento, quasi trasformato, confortato da un inizio “soft” (e come altro dovrebbe essere) e
    dalla presenza dei suoi amici della Scuola D’Infanzia e supportato da due maestre che “ci piacciono”. E’ proprio bravo, ha preso confidenza e secondo me si diverte pure! Bravo, anzi, come gli hanno scritto oggi sul “quadernone” rosso “BRAVISSIMO
  • E Ada? Ada chi ? Ahhh “Godzilla”!!! Eh si, lei spacca. Nel vero senso della parola. Scheggia impazzita si districa tra le porte di casa che proviamo a chiudere quando ce la facciamo, prova a buttarsi giù dalle scale a chiocciola quando dimentichiamo il cancellino aperto, apre e chiude 100 volte gli sportelli che cerchiamo inutilmente di bloccare, prende le maracas e un ovetto con dentro il riso e si mette a suonare e ballare, capisce almeno … non so… 10-15 parole tra le quali “libro” e immancabilmente va a prendere il libro con gli animali per urlare a gran voce “ba bauuuuu”, poi si butta giù dal divano e scappa inseguita da Flavio, si agita e si mette a ridere (matterella), si infila in bagno e ovviamente cerca di gettare qualcosa che ha in mano nel water per poi ripiegare sul bidet ( e ancora non è riuscita ad acchiappare lo scopino per fortuna!). Livello di impegno: 110%, ci vorrebbe una persona che seguisse solo lei! In una parola: MERAVIGLIOSA!
  • Esiste la sfortuna? Dico quella vera, quella che ti fa pensare che sia tutto contro di te, che ogni passo o scelta che fai potrebbe condurti dentro
    il baratro verso il quale ti sei pericolosamente avvicinato?
    Ho pensato davvero così ultimamente, arrivando a pensare che ci potesse essere qualcuno che … insomma si…che forse
    aveva pensato di “lanciarmi” chissà quale maledizione. Avevo pensato ad una persona in particolare, ma poi , non so, dopo aver cercato di “contrattaccare” con mille maledizioni
    abbastanza insensate, posso con ragionevole margine di sicurezza affermare che no, non è così ed è tutta colpa della mia negligenza e del fatto che non mi concentro. Oddio, un pò di sfortuna c’è stata ma
    si può evitare lavorando meglio, magari con la tecnica “pomodoro”. Devo dire che va un po’ meglio …
  • L’unica strada per uscire dal pantano è “progettare” ovvero avere di progetti. Cambiare casa, realizzare un nuovo progetto con il Raspberry, scrivere un post alla settimana, fare una compilation al mese,
    ascoltare più dischi, leggere più giornali e più libri, partecipare di più, ascoltare di più, parlare di più. Sono tutti “progetti” per me, qualcuno sarà più facile, altri più difficili e lunghi. Come mi ha fatto notare qualcuno: bisogna rimboccarsi le maniche e documentare! Ecco che questo spazio deve diventare la testimonianza di quello che faccio e come lo faccio. Serve a me e forse un giorno a qualcun altro, ma anche se servisse solo a me ci avrei guadagnato molto di più di quello che pensiamo!

In marcia allora!

HASTA

 

When i take out the garbage at night …


Grazie a Dio.
Siamo tornati a casa. E’ bello essere a casa, te ne accorgi quando devi andare via alle 6:00 del mattino per portare una piccina di 3 mesi  e mezzo a rimuovere chirurgicamente un ernia inguinale.

Una sciocchezza.

Eppure.

Ti abbiamo tenuto in braccio tantissimo, un giorno intero. Ore che non passavano mai, solo per trattenere poi le lacrime quando ti hanno portato via, per un’ora.
Un bacino sulla testa.
Un sospiro, poi un altro, un passo, poi un altro.
Ti abbiamo pensato, sappiamo che ci hai pensato anche tu.
Ora è passato tutto, vedrai quante cose belle!

Vi pensiamo, se chiudo gli occhi vedo ancora quelle stanze, sento ancora tutto.
So che non bisognerebbe dirlo ma lo dico lo stesso: il dolore e la malattia, specie per i bimbi, non dovrebbe esistere.
Facciamo che ci si inizia ad ammalare dai 18 anni in su ok? Che è sempre bruttissimo, lo so, ma prima … prima è da spezzare il cuore e l’anima, da farti dubitare per un attimo. Solo un attimo, pochissimo. Poi ritorni a pregare e sperare che finisca.

Vi pensiamo …

HASTA

“If We Were Vampires”

It’s not the long flowing dress that you’re in
Or the light coming off of your skin
The fragile heart you protected for so long
Or the mercy in your sense of right and wrong

It’s not your hands, searching slow in the dark
Or your nails leaving love’s watermark
It’s not the way you talk me off the roof
Your questions like directions to the truth

It’s knowing that this can’t go on forever
Likely one of us will have to spend some days alone
Maybe we’ll get forty years together
But one day I’ll be gone or one day you’ll be gone

If we were vampires and death was a joke
We’d go out on the sidewalk and smoke
And laugh at all the lovers and their plans
I wouldn’t feel the need to hold your hand

Maybe time running out is a gift
I’ll work hard ‘til the end of my shift
And give you every second I can find
And hope it isn’t me who’s left behind

It’s knowing that this can’t go on forever
Likely one of us will have to spend some days alone
Maybe we’ll get forty years together
But one day I’ll be gone or one day you’ll be gone

It’s knowing that this can’t go on forever
Likely one of us will have to spend some days alone
Maybe we’ll get forty years together
But one day I’ll be gone or one day you’ll be gone

Soffice …

Photo by jens johnsson on UnsplashIn questa serata sonnacchiosa, nebbiosa, stanco dopo una settimana difficile (e quando mai?) mi fermo. Ada è arrivata il 9 Ottobre. E’ soffice, tenera, profumata e dolcissima.
L’abbiamo aspettata tanto, tantissimo, 9 mesi nei quali le ansie e le paure non sono state poche. Eppure eccoci qui, 5 anni dopo Flavio, a ricordare come si mette un pannolino, a riprendere quelle musichine, quelle belle che fanno addormentare,
a recuperare la mucchina col carillon, la lucina che proietta le stelle, i seggiolini/passeggini/ovetti che casino.

Ada è tale e quale a Flavio, 5 anni fa. Stessi capelli (tanti!), stessa
forza, stesso bisogno estremo di abbracci e carezze e coccole.
Ada è la nostra forza, la nostra energia ritrovata, la nostra luce in questa nebbia.

La cosa più bella? Flavio che la coccola e la protegge e dice che è sempre “un amore”.
La settimana è andata male? Mi “smangiucchio” un piedino e dimentico tutto.
Ho un problema che non riesco a risolvere? Cambio un pannolino, faccio due smorfiette
e subito la soluzione mi appare chiara come il sole.

Chi dice che non sono felice, che sono stanco, che sono arrabbiato, che sono nervoso
non ha visto bene dentro di me. Dentro di me ESPLODO dalla gioia di vivere e vedere quelle manine muoversi verso di me.

Ada, cresci (non troppo in fretta eh) che ne abbiamo di strada da fare.
Ti regalo una colonna sonora malinconica e “nebbiosa” come questa serata di Novembre.

HASTA

“Azzurro” for dummies …

Avete presente “Azzurro”? Ma si dai, Adriano Celentano.
Quanto lontano potrebbe essere da quello che ascolto di solito? Tanto vero? Eppure questa canzone è stata sempre presente. La cantava, la canta mio padre, da qualche parte, sepolto in casa dei miei, ci potrebbe essere anche un vecchio 45 giri, chissà.

Poi capita che devi fare quei, tipo, 2000-3000 km al mese e tuo figlio ti chiede di ascoltare qualcosa, che so, qualche vecchia sigla di cartoni animati. Si, quelle le abbiamo ma poi? Allora la moglie ti fa un “sabotaggio” alla USB dove hai messo tutta la peggiore musica spacca orecchie e ti inserisce una cartella “Italiane”. Allora vada per “Singapore” ad eterna memoria della mia ultima trasferta in Far East (2015) ma poi, ecco in terza traccia, “Azzurro”.

Ma “Azzurro” è una canzone bellissima! E non dico solo rispetto alla MdM (musicadimerda) che circola di questi tempi (aggravante tormentoni estivi), lì
vinci facile senza nemmeno sparare un colpo. E’ una canzone bellissima, bellissime le parole e la musica. Bellissime le immagini che funzionano, è vero, meglio d’estate ma tanto se la ascolti d’inverno ti fa comunque cambiare stagione “inside”.

Provate a rileggerla :

Cerco l’estate tutto l’anno
e all’improvviso eccola qua.
lei è partita per le spiagge
e sono solo quassù in città,
sento fischiare sopra i tetti
un aeroplano che se ne va.
Azzurro,
il pomeriggio è troppo azzurro
e lungo per me.
Mi accorgo
di non avere più risorse,
senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri all’incontrario va.
Sembra quand’ero all’oratorio,
con tanto sole, tanti anni fa.
Quelle domeniche da solo
in un cortile, a passeggiar.
Ora mi annoio più di allora,
neanche un prete per chiacchierar.
Azzurro,
il pomeriggio è troppo azzurro
e lungo per me.
Mi accorgo
di non avere più risorse,
senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri all’incontrario va.
Cerco un po’ d’Africa in giardino,
tra l’oleandro e il baobab,
come facevo da bambino,
ma qui c’è gente, non si può più,
stanno innaffiando le tue rose,
non c’è il leone, chissà dov’è.
Azzurro,
il pomeriggio è troppo azzurro
e lungo per me.
Mi accorgo
di non avere più risorse,
senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri all’incontrario va.

E’ fatta di malinconia : “come facevo da bambino“, l’estate (specie quando si avvia verso la fine) è fatta per ricordare a quelli come noi le tante cose che “facevamo da bambini”. L’occasione è buona per prendere la mano di tuo figlio e accompagnarlo a fare un giro su una giostra qualsiasi, frugarsi nelle tasche e ritrovare quel gettone che significa 5 minuti di risate e spensieratezza. Non si può aspettare perché altrimenti finisce che “qui c’è gente, non si può più“, ma non può finire così vero?

E’ fatta di desiderio : “Mi accorgo di non avere più risorse,senza di te“, bastano poche parole per arrendersi all’evidenza che abbiamo tutti bisogno di qualcuno per arrivare alla fine della giornata/settimana/mese/anno/vita.

E’ fatta di riscatto di reazione : “e allora io quasi quasi prendo il treno e vengo, vengo da te“, vogliamo vedere che alla fine bisogna cercarsela la strada per uscire dal tunnel.

E’ fatta di solitudine e lentezza : “Quelle domeniche da solo in un cortile, a passeggiar“,
abbassiamo gli schermi degli smartphone e rallentiamo il passo, rallentiamo se siamo in auto.

 

E alla fine succede che mio figlio (5 anni) la sa a memoria, la canta tutta dall’inizio alla fine. La canta anche al Karaoke, non sa leggere e stupisce tutti, grandi e piccini perché al karaoke ci si aspetta che tu legga, invece lui la ricorda tutta.
Guai a parlarci sopra, va sentita senza interferenze.
E va bene così, la riscopro anche io. Mi ricordo di quanta strada ancora devo fare, mi ricordo di quanto si può essere malinconici ma determinati.
Mi ricordo di mio padre.
Mi ricordo di fermarmi ad assaporare qual poco d’estate che è rimasta in questo 2017 frenetico, perché poi, tra un po’, ci resterà solo di “cercarla tutto l’anno” fino all’anno prossimo.

 

FTW …

https://unsplash.com/@nepumuk
https://unsplash.com/@nepumuk

Tra dieci o venti anni starò leggendo questa pagina. Ho messo un reminder su Google Calendar. Arriverò a leggere di quel giorno che ho voltato le spalle ad una buona offerta, forse la migliore che mi poteva capitare.

L’ho fatto perché ero combattuto e non sapevo decidere. L’ho fatto perché mi sembrava giusto e ho pensato a quanto sarebbe stato bello far valere il tempo che avrei risparmiato nel viaggio casa-lavoro per godermi la famiglia. L’ho fatto per questo e perché sono felice. Ogni volta che vi guardo, ogni volta che mi giro e ci siete.

Se ci saranno tempi difficili ? Certo che ci saranno, in ogni caso.
Mi giro e ci siete, e non cambierei nulla. Siamo liberi vero ?

E, ritornano al mio reminder, mi chiederò tra dieci o venti anni, ma come cazzo mi era venuto in mente di ascoltare country o bluegrass … Mio padre teneva sempre una cassetta di musica country in macchina, nella Ritmo. Ce l’aveva fatta un amico di famiglia che aveva molti dischi. Non l’ascoltavamo quasi mai a dire il vero, mio padre era sempre triste e sembrava sprofondare ancora di più quando forse pensava di non avere avuto delle opportunità, non avere avuto una vita “piena”. Succede ancora oggi, lo vedo nei suoi occhi. Ma è ancora qui, e fatica e combatte ogni giorno. Se potessi gli racconterei tante cose ma almeno una, penso che tu sia stato e sia ancora eccezionale, niente di meno.

 

“Hard Times”

There was a Camptown man who used to plow and sing
He loved that mule and the mule loved him
When the day got long as it does about now
I’d hear him singing to his muley cow

Calling come on my sweet old girl
I’d bet the whole damn world
That we’re gonna make it yet to the end of the row

Singing hard times ain’t gonna rule my mind
Hard times ain’t gonna rule my mind, Bessie
Hard times ain’t gonna rule my mind
No more

He said it’s a mean old world heavy in need
And that big machine is just a-picking up speed
We’re supping on tears and we’re supping on wine
But we all get to heaven in our own sweet time

So come on you Asheville boys
Turn up your old time noise
Kick till the dust comes up from the cracks in the floor

Singing hard times ain’t gonna rule my mind, Brother
Hard times ain’t gonna rule my mind
Hard times ain’t gonna rule my mind
No more

But the Camptown man he doesn’t plow no more
I seen him walking down to the superette store
Guess he lost that knack and he forgot that song
Woke up one morning and the mule was gone

So come all ye ragtime kings
Come on you dogs and sing
Pick up your dusty old horn and give it a blow

Playing hard times ain’t gonna rule my mind
Hard times ain’t gonna rule my mind, Sugar
Hard times ain’t gonna rule my mind
No more

Written by Gillian Welch and Dave Rawlings

Cos’è che ci salverà

1-wskhofbzu-c3iivvv6cwxw

Ecco, pensavo a questa cosa l’altro giorno e quindi mi sono ripromesso di scriverla, anche se lo faccio sempre troppo tardi e, dopo qualche giorno le parole che ho limpide davanti non si ritrovano più e sono costretto ad improvvisare.

Bene pensavo, tra qualche anno cosa mi impedirà di NON diventare come i miei genitori ? Sono consapevole dei tanti problemi che i miei hanno dovuto affrontare e che tutt’ora affrontano quotidianamente. Una figlia disabile, in una realtà depressa e irrecuperabile quale solo una certa città del Sud (non serve nascondersi, è così e magari adesso le cose stanno cambiando ma 40 anni fa ?), una serie di problemi di salute non tutti recuperabili e recuperati al 100%, la nostra partenza per l’università’, la l’inevitabile (?) porzione di depressione over 50, over 60, over 70. Sono consapevole di tutto ciò, l’ho davanti agli occhi, nelle orecchie, nell’anima e nei sogni.

Eppure …

So cosa ci è mancato e so cosa ci salverà, so cosa salverà la mia famiglia, intesa come moglie e figlio 4enne. Le Risate, l’Allegria il sapersi prendere Poco Sul Serio ogni tanto. E poi, la Musica, i video di Youtube, i Cartoni visti al cinema alle 21:30 che poi quasi quasi ci addormentiamo in macchina, i film dello Studio Ghibli, spendere una certa (piccola ok, non ci lamentiamo però) quantità di soldi per cose tipo Vacanze in Montagna e Weekend in Italia, gli Abbracci, le Parole dette sempre e comunque, comprare una Montagna di Libri per grandi e piccini, spendere ancora soldi per qualsiasi cosa ci possa far passare una Domenica Fuori Casa, la Radio invece della Televisione la mattina a colazione … una certa Resilienza (oddio ho davvero usato anche io questa parola ?)

Sembra tanto ma è poco e non vedo l’ora di fare di più.

Vieni, vieni … tutto tranquillo! (cit.)

Sentimentalismo time, ma concesso, per una volta.

Te ne sei andato proprio quando Flavio cominciava ad amarti. La sua gioia manifestata da “Che bei cazzottoni!” sarà, secondo noi, il migliore lasciapassare possibile, ammesso che ce ne fosse bisogno e che ti manchino, viste le 2-3 generazioni che hai contribuito a far divertire senza volgarità e senza violenza.

Grazie !

Reboot … anche io posso (?!)

Un po’ di tempo fa mi ha incuriosito questo articolo su Medium di Wil Wheaton e così, semplicemente e pacificamente mi sono chiesto: perché non posso farlo anche io ?

Mi sono messo a fare una lista di cose che avrebbero contribuito a migliorare la mia vita, ed ecco cosa ne è venuto fuori, incrociando la lista di Wil:

  1. Arrabbiarmi di meno (al posto di Bere meno Birra)
    1. Non sono un gran bevitore, e non posso dire di dovermi impegnare a migliorare questa condizione. Invece sono un  ottimo esempio di irascibilità e su questo DEVO lavorare.
  2. Leggere di più
  3. Scrivere di più
    1. Vedete: sto già migliorando 🙂
  4. Code & Experiment (al posto di Guardare più films)
    1. Non è il mio “campo” … guardare films intendo. Preferisco cominciare a
      sperimentare 🙂 Ho due Raspberry pi, un altro in arrivo, un progetto in corso, un kit
      robot da scegliere … da dove comincio ?
  5. Mangiare meglio
  6. Dormire meglio
  7. Fare esercizio

A questo punto la lista è fatta. L’idea è di rivedere i punti periodicamente (nel mio caso “proviamo” con una volta al mese) e fare una auto-valutazione con dei punteggi da 0 a 10, facendo poi una media sul periodo.

Ready ? Steady ? Go !

 

Papà …

Mi piace moltissimo leggere, ho fatto fatica con questo libro, all’inizio mi sembrava davvero “troppo” deprimente. Non avevo capito nulla …

Prima di andare a letto ci sediamo intorno al camino e se gli chiediamo : Papà, raccontaci una storia, lui se ne inventa una su qualche persona del vicolo che ci porta in giro per il mondo, su nel cielo, giù nel mare e poi di nuovo nel vicolo. Nella storia hanno tutti quanti un colore diverso e è tutto alla rovescia. Le automobili e gli aeroplani vanno sott’acqua e i sottomarini volano nell’aria.Gli squali stanno seduti sugli alberi e i salmoni giganti se la spassano sulla luna con i canguri. Gli orsi polari lottano con gli elefanti in Australia e i pinguini insegnano come si suona la cornamusa agli zulù. Finita la storia Papà ci porta al piano di sopra e si inginocchia con noi mentre recitiamo le preghiere. Noi diciamo il Padre Nostro, tre Ave Maria, Dio benedica il Papa, Dio benedica la Mamma, Dio benedica la nostra sorellina e i nostri fratellini morti, Dio benedica l’Irlanda, Dio benedica De Valera e Dio benedica chiunque dia un lavoro a Papà. Lui dice: Andate a dormire bambini, perché Dio vi guarda e sa sempre se non avete fatto i bravi.

Io Penso che mio padre sia come la Santa Trinità e abbia dentro di sé tre persone: quello della mattina con il giornale, quella della sera con le storie e le preghiere e quella che la combina grossa, torna a casa con la puzza di whiskey e vuole che moriamo per l’Irlanda.

Quando la combina grossa, Papà mi fa intristire ma non posso abbandonarlo perché mio padre vero è quello della mattina e se fossimo in America potrei dirgli: Papà ti voglio bene, come dicono nei film cosa che invece qua a Limerick non si può fare perché ti riderebbero in faccia. E’ permesso dire che vuoi bene a Dio, ai neonati e ai cavalli vincenti ma tutto quello che non rientra in questi casi è segno che ti manca una rotella

Franck McCourt, Le ceneri di Angela

Se seguite GoodReads io sono qui .

Se siete su Anobii invece sono qui .

Carnevale arriva … e poi va via

Se c’è una festa che non mi è mai piaciuta più di tanto, bé è il carnevale.
Da piccolo mi hanno vestito, mi piaceva immagino (però è proverbiale la mia mancanza di memoria riguardo quegli anni quindi potrebbe anche essere che mi facesse schifo anche allora).
Poi il carnevale a Catanzaro era solo bombolette di schiuma da barba (una volta ne presi una sulla nuca e mi fece così male che sviluppai un’avversione culminata col fatto che adesso sono ~4 anni che non mi taglio completamente la barba), “mazzole” e fialette puzzolenti. Non scherzo: a parte fantomatici carri a CZ Lido (che non ho mai avuto il piacere (?)) di vedere, non ricordo una peculiarità del carnevale catanzarese.
Poi negli anni dell’università, figuriamoci, e chi aveva tempo … Ma parliamoci chiaro, questa cosa del mascherarsi proprio non mi va giù. Perciò ho “liberato” la famiglia che domani si esibirà in quel di S. Egidio alla Vibrata (TE) ed io me ne sto pacificamente qui, affilando le armi e la logica a Fallout 4, uno dei migliori modi che conosco per mascherarmi.

Questa è la mia colonna sonora.

Buon Carnevale 2016 … mi mancate …

E il vaffanculo del 2015 va a …

Se non vi va di leggere improperi, insulti, parolacce, malignità (forse) senza senso, allora è questo il momento di andare, via dal cazzo , ADESSO.

Leggi tutto “E il vaffanculo del 2015 va a …”

Su come vorrei essere, domani.

Oggi mi sono arrabbiato. A scanso di equivoci: non sono una persona che si potrebbe definire “calma”, per niente.
Sono ansioso, impulsivo, al limite maniaco del controllo, avventato e molte altre cose che, a volte, possono rendere la vita quotidiana abbastanza complicata, lo ammetto.

Eppure non mi arrabbio spesso, mi capita e, talvolta, anche con le persone che amo di più e che meno se lo meritano.
Oggi mi sono arrabbiato con un collega, colpevole di non aver compreso una mia e-mail (decisamente chiara!) e di aver risposto travisando completamente il senso delle mie parole e, di fatto, dicendo cose con ho detto e mai mi sarei sognato di dire. Punto.

Però ci sono cascato, come il più pivello dei calciatori che compie fallo di reazione. Ci sono cascato e ho risposto decisamente male, anche perché a dirla tutta, non è la prima volta che mi capitano “incomprensioni” del genere con la stessa persona.

Cosa fare allora? Io non sono così, non mi sento così.
La parte più buona di me suggerisce una ennesima sdrammatizzazione, magari una scherzosa pacca sulla spalla e un “ridiamoci su”.

Non lo farò. So di avere esagerato ma, mi è bastata la mezza spiegazione poco dopo il fatto.

Il punto è: voglio davvero (ma davvero?) continuare a farmi del male così? E soprattutto a fare del male alle persone che amo di più? Voglio davvero essere un “arrabbiato cronico” per il resto della vita? E dire che basta poco, una piccola riflessione, un pò meno impulsività e conteggio: 1,2,3,4 … ecco passato !

Rabbia – Inside Out

Mi sa che dovrò lavorarci parecchio ancora ma so che posso farcela, la ricetta passa anche da qui, da Medium, dal Blog, dalle parole scritte e “dette”.
Tranquilli, mi avete sopportato abbastanza, specie voi Mamma, Papà, Simona, Ale e Flavio.
PS: se non avete visto ancora Inside Out , bè siete dei “falliti”: è bellissimo!

Si parte io e te ? (cit.)

Non essere triste Mamma!

Domani partiamo, siamo io e Flavio su un aereo graaaaaaaaaaaaaande (cit.)

Poi torniamo da te e sarà ancora più bello di prima. Grazie delle macchinine e della valigetta che ci stai preparando.

Grazie di tutto quello che fai per noi, ogni momento e ogni giorno.

Non essere triste Mamma!

Fuori piove ma dentro ci sono le macchinine, i camion dei pompieri, Dusty Crophopper, la pista, il treno, le costruzioni, gli incendi … ohps no gli incendi no eh !

Non essere triste Mamma!

“quello grande” e “quello piccolo” sono pronti per questa nuova avventura … siamo come il nonnino ed il bimbo di UP!

Tu aspettaci: quando torniamo andiamo alle cascate paradiso 🙂

HASTA

Una piccola storia per un piccolo ometto ….

http://hellomynamemeans.com/en/movie/Flavio

Qui ci vuole un time-out (cit.) …

Guardati in faccia, renditene conto.

Ti lamenti sempre, sei nervoso.

Non ci sai fare, nonostante tutti gli sforzi.

Ogni cosa che fai è uno sbaglio.

Passano le ore, passano i giorni, passano le settimane, passano i mesi.

Continui a scrivere note sul taccuino e ti costringi a guardarle anche quando sai che non hai fatto quello che ti sei proposto di fare e l’inchiostro sulla carta te lo ricorda.

Sei una merda, sei un pezzo di merda che non sa fare altro che perdere tempo.

Forse (ma è un forse grande come una casa) l’unica cosa che ti può salvare davvero è proprio la consapevolezza di essere così  merdoso ed insufficiente. Forse comincerai a prendertela con te stesso e, sebbene tu non abbia la forza (o forse si) di creparti il cervello in due su uno spigolo di muro, potrai cominciare a pretendere di meno dagli altri e di più da te stesso PRIMA DI TUTTO.

Queste pagine sono state che cosa fin’ora? Un diario? Poco. Uno sfogo? Ancora meno.

Adesso sono lo specchio che deve riflettere la tua insufficienza. Ricordarti che non sei altro che merda !

La prossima volta che avrai qualcosa di cui lamentarti, ricordati quante delle cose che dipendono da te sono ancora appese o dimenticate: allora starai zitto, zitto.

Bene, zitto… non parlare, non dire nulla. Non ti è concesso di dire nulla finché non sarai a posto.

E impara a sorridere … merda ! Non è ancora finita !

HASTA

 

Piccolo dizionario del 19esimo mese …

Ho paura che ci possiamo dimenticare, dimenticare queste piccole paroline che ogni tanto ci regali. E così, visto che non  abbiamo avuto la costanza (buuuhh) di tenere un diario di carta, almeno affidiamo a WordPress e alla rete il compito di memorizzare e tramandare “il verbo” (esageratooo !)

  • su tutti : CAMN (camion)
    • Largamente usato in conversazione. Si presta a varianti più o meno lunghe come ad es. “Voglio vedere Camn”. L’espressione si scatena di fronte alla pagina di Youtube con chiave di ricerca “Camion Americani”
  • PAM (variante PABMN)
    • Vuol dire “macchina”, automobile
  • Minninno
    • significato ancora sconosciuto. Abbiamo in programma di consultare i migliori interpreti al mondo (tra cui Luciana)
  • Ciscio
    • Ombelico
  • Puzzi
    • Di solito risposta alla domanda “Come ti chiami tu?” … ma la colpa è nostra visto che l’abbiamo chiamato Puzzi al tempo zero.
  • Gggggiù
    • Ovviamente utilizzato a profusione in caso si voglia scendere al piano inferiore o da qualsivoglia posizione sopra-elevata.
  • PEPPA
    • Utilizzato per richiedere “gentilmente” la visione televisiva di noto programma a cartoni per bambini.
  • Pappa!
    • Attenzione: non tutto è PAPPA, non lasciatevi ingannare. La pasta è Pappa (in tutte le forme e dimensioni). La carne NON è pappa.
  • Nonni, Papà, Mamma
    • Ovviamente la gamma “famiglia” è ancora ampia ma ci stiamo attrezzando.
  • Tuu—tuuuu
    • Tutti i tipi di treno.
  • Meeem meeeem
    • Onomatopeico per moto e motorette
  • Chello
    • wildcard per “carrello” o qualsiasi cosa debba essere manipolato da terze parti a scopo ludico.
  • Botyy
    • Body, unico altro indumento riconosciuto a parte le …
  • PPPPapppe
    • Scarpeeeee !
  • Cricchetto
    • Personaggio della saga Pixar Cars 🙂

La lista si allargherà, il post lo lascio aperto … tu stai crescendo e noi siamo felicissimi. Però questi giorni non torneranno lo sai, per noi e anche per te. Torneremo su queste pagine e ci faremo scappare una lacrimuccia forse. Torneremo a guardare le tue foto e penseremo che il regalo più bello non potremo mai fartelo noi: ce lo fai tu tutti i giorni ed è ineguagliabile !

HASTA

 

Ottobre 2013 – 17 Mesi – “Mine is mine, Yours won’t take its place”

Grazie a Dio ce l’hai fatta. A fare cosa? Ma come : a “vedere” (sentire) almeno un disco dei Pearl Jam. Ma ti rendi conto? Dopo 20 anni (e Papà c’era fin dal primo giorno) sono arrivati fino a te. Tanti non ce l’hanno fatta (Kurt, Layne, Jeff per dirne alcuni) e non avrai modo di sentire della musica nuova da loro (per fortuna di quella vecchia in giro per casa ce n’è quanta ne vuoi).

Però loro no, loro hanno detto :”Eh che cavolo: abbiamo fatto rockeggiare e rollegiare per 20 anni il Papà, ora tocca al Piccolo Flavio!” .

E così ecco questo Lightning Bolt. Intendiamoci, quando vorrai ci saranno tutti (TUTTI) gli album precedenti, più qualche live, qualche DVD, una VHS (!!) un vinile (!!!!!) un singolo di Natale,almeno 3 libri e chi più ne ha più ne metta. Intendiamoci, non sono un esperto  nè un fan accanitissimo. Sono prima di tutto un “nostalgico” sostenitore dei PJ, riconoscendo sia il valore intrinseco della loro musica, sia quello che hanno rappresentato nella famigerata scena “grunge” (ahi ahi prima o poi questa parola doveva venire fuori, Wikipedia aiutami tu). Diciamo la verità: quando nel 1992/1993 ascoltammo per la prima volta “Ten” (ma anche “Nevermind”) nulla fu più come prima, senza esagerazione. Prima voleva dire (oddio tenetevi forte) Dire Straits, Led Zeppelin, Bon Jovi (!!!) se volevi proprio esagerare. E invece ecco che arrivano sti 4 capelloni, cominciamo a sentire le prime note di “Even Flow” o “Alive” o “Jeremy”, cominciamo a vedere quella “scimmia” di Vedder che ai concerti si appende alle impalcature dello stage, si butta in mezzo alla folla e così… così noi non siamo più gli stessi. Compriamo un paio di Doc Martens e li mettiamo anche d’estate coi calzoni lunghi e le camicie a quadri. Seattle diventa una città mitica (chissà magari un giorno ci andiamo insieme ok ?), giriamo per le sue strade grazie a Cameron Crowe e al suo “Singles”, insomma ci ubriachiamo di questa (sotto)cultura, l’ennesima made in USA. Poi arrivano le prime chat, i primi forum, i primi incontri tra “fan”, impariamo a memoria i testi a furia di sentire le canzoni ,il primo concerto nel 2000, Verona! Che banda di raccattati: Papà, Zio Paolo , Mr. Tria e Basile! E poi di nuovo 2006, Verona e Pistoia. Sono stato fin troppo veloce a raccontare di questi anni ma la costante rimane: loro sono sempre stati lì con me, aspettavo i loro dichi, i loro live, i loro DVD. Sono sempre stati un punto di riferimento e una bandiera da portare in giro, così come immagino possano essere stati i Beatles, i Roling Stones ecc. ecc.

Vogliamo tornare a questo Lightining Bolt (senza poi tirarla tanto per le lunghe ?): bello! All’altezza! Fresco e allo stesso tempo “marchiato”, riconoscibile, lo capisci subito chi canta e chi suona. La mia preferita (fino ad ora) rimane “Getaway” ma diciamo che le prime 5 canzoni (fra tutte anche “Mind Your Manners”, bel ritmo incalzante) sono esplosive. Poi ovviamente troverai anche qualcosa di più “intimo” e “riflessivo” (“Sirens”) fino a sfociare nella ballata (“Future Days”). Insomma ci trovi tutto quello che si può e si deve aspettare da un disco dei Pearl Jam. In macchina lo sentiamo spesso ma al momento mi sembri più reattivo al “Coccodrillo come fa?”

Manca solo una cosa : un bel concerto ! Ci verrai vero ? Vero ? “Si parte io e te ?” 🙂

 

Settembre 2013 – 16 Mesi – “Is it dissolvable and tasteless ?”

Per te … tutto questo è per te. Sono passati più di 10 giorni ma che ci vuoi fare ? Di giorno lavoriamo, la sera tra un episodio di Peppa Pig, la pappa, i camion le ruspe il momento della nanna, capisci bene che il tempo vola e le energie pure. Eppure avevo fatto questa promessa, che non è niente di speciale ma vediamo se riusciamo a portarla in fondo.

La musica conta, è importante, lo è sempre stata per me. Non sono un esperto, non sono un fan “incallito” forse non voglio esserlo o forse non me lo posso permettere. Però non ne posso fare a meno. Dobbiamo dire grazie anche a Mamma che continua imperterrita a regalarmi l’abbonamento a Blow Up anche se io sono costantemente indietro con la lettura 🙁 E quindi la promessa è semplice: quando compi un mese (un anno sarebbe stato troooopppo lungo) ti regalo un disco, ma un disco di quelli VERI, non un buono si iTunes o su chissà quale “etereo” provider musicale.No cavolo, un disco che puoi toccare, infilare in un lettore CD (finché esisteranno ancora, non ti aspettare dei vinili: non possediamo un giradischi !) annusare, perfino lanciarmi addosso se non ti dovesse piacere ! Un disco può avere tanti significati, può essere lo specchio del momento , può essere un disco “vecchio” al quale sono (siamo , mettiamoci anche Mamma va!) legato/i, o alla fine può essere anche qualcosa che semplicemente mi/ci girava per la testa e così sia !

Con cosa cominciamo allora ? Presto detto … una band … ne ho viste e sentite tante in questi anni. Innovazione … uhm..si …

Stranezze e pseudo invenzioni pseudo elettroniche …. uhm …si …

Premi , ovazioni, osanne e chi più ne ha più ne metta … uhm … si …

Alla fine quello che conta è come porti avanti la tua musica, come ti poni, come ti presenti, l’onestà che traspare dalle parole, dai fatti, dalla musica, dal seguito dei fan, dai concerti (non li ho ancora visti questi ma eccome se mi piacerebbe!) .. insomma, se parliamo di Rock vi sfido a non seguire e a non riconoscere come veri portatori della bandiera …. ta daaaaaaa : The National 

Già sarebbe difficile commentare (e anche staccare il CD dal lettore!) la bellezza e la pienezza di “Boxer” e “High Violet” ma l’ultimo “Trouble will find me” (che poi è il mio primo regalo). Per me il rock è salvo finché questi matti continueranno a fare musica. Cosa c’è di bello in questo disco ? La voce di  Matt Berninger per esempio: basta sentirla una volta e ti colpisce subito la profondità e la chiarezza. Ripeto non sono un esperto ma prova a sentire “Don’t swallow the cap” ma sentila davvero… 100 volte… senti e ascolta ogni nota ogni arrangiamento … poi prova a leggere :

When they ask what do I see,
I see a bright white beautiful heaven hangin’ over me.

I’m not alone,
I’ll never be.
Into the bone,
I’ll never grieve.
And if you want, (too seriously)
To see me cry. (don’t swallow the cap)
Play “Let It Be” (pat yourself on the back)
Or “Nevermind”. (too seriously)

Il ritmo l’energia, e il divertimento (perchè no) che trasuda da “Graceless”:

Insomma a me piacerebbe davvero che questo disco fosse tuo, magari tra 20 anni nessuno ricorderà più The National, magari invece saranno sempre lì a fare ottima musica. Mi piacerebbe che queste note ti facessero da guida tra i ricordi che continueranno ad accumularsi, cosicchè un giorno magari tra 15-20 si potrebbe tornare a parlare di questi “vecchi” The National ed io ti potrei raccontare della prima volta che li ho sentiti, di quanto piacessero anche a Mamma (strano eh ?) . Insomma mi piacerebbe che queste note ti facessero da faro , da guida per tornare indietro a questi mesi (che tu non ricorderai vero ?) …indietro a quel settembre 2013 quando tra un “kaguuu” un “cammmnn” e una “peppa” in case ed in macchina a volte si sentivano queste tracce … (il bimbo nel video mi ricorda tantissimo qualcuno…)

“Graceless”

Graceless
Is there a powder to erase this?
Is it dissolvable and tasteless?
You can’t imagine how I hate this
GracelessI’m trying, but I’m graceless
Don’t have the sunny side to face this
I am invisible and weightless
You can’t imagine how I hate this
GracelessI’m trying, but I’ve gone
Through the glass again
Just come and find me
God loves everybody, don’t remind me
I took the medicine when I went missing
Just let me hear your voice, just let me listenGraceless
I figured out how to be faithless
But it will be a sheme to waste this
You can’t imagine how I hate this
GracelessI’m trying, but I’ve gone
Through the glass again
Just come and find me
God loves everybody, don’t remind me
I took the medicine and I went missing
Just let me hear your voice, just let me listen

All of my thoughts of you
Bullets through rock and through

Come apart at the seams
Now I know what dying meansI am not my rosy self
Left my roses on my shelf
Take the wild ones, they’re my favorites
It’s the side effects that save usGrace
Put the flowers you find in a vase
If you’re dead in the mind it will brighten the place
Don’t let them die on the vine, it’s a waste
GraceThere’s a science to walking through windows
There’s a science to walking through windows
There’s a science to walking through windows
There’s a science to walking through windows without youAll of my thoughts of you
Bullets through rock and through
Come apart at the seams
Now I know what dying means

I am not my rosy self
Left my roses on my shelf
Take the wild ones, they’re my favorites
It’s the side effects that save usGrace
Put the flowers you find in a vase
If you’re dead in the mind it will brighten the base
Don’t let them die on the vine, it’s a waste
GraceGrace
Put the flowers you find in a vase
If you’re dead in the mind it will brighten the base
Don’t let them die on the vine, it’s a waste
GraceThe-National-Trouble-Will-Find-Me-608x608

And all of you out there, you can quit playing stupid music …

Kurt

Layne

E qui si potrebbe aprire una (triste) parentesi. Che poi andrebbe tutta a scapito mio. Che poi alla fine non ci farei una gran bella figura ma tant’è, se non mi levo questo sassolino. Io me lo ricordo il 5 Aprile del ’94. Me lo ricordo e sono quasi sicuro fosse una domenica (Google potrebbe aiutarmi  ricordare ma non divaghiamo). E’ proprio questo il casino. Chi mi aiuterà a ricordare quando ho perso delle persone care veramente , chi pensa che sia uno stronzo davvero a ricordare il giorno in cu è morto Cobain mentre non ricordo cosa facevo o dove ero quando … In realtà qualcosa ricordo, specie per zia Marisa. Ricordo che era in prossimità del mio esame di III media e ricordo anche di aver pensato di aver ricevuto un aiuto, anche se lei non c’era più.  Voi sognate ? Io non ricordo quasi mai i sogni. Mi piacerebbe ma non mi capita quasi mai . Mi piacerebbe sognarvi, ricordare quanto mi volevate ( e mi volete anche adesso) bene. No tranquilli, non voglio i numeri del lotto, vorrei solo, solo ricordarvi più lucidamente , chiaramente. Ed invece cos’è che ci ha allontanato ? Bè, la vita sicuramente, come capita praticamente sempre… ma c’ho messo del mio ? Sono stato io ? Sono io che tutti i giorni arrivo stanco e non voglio fare altro che dimenticare: ma perbacco io voglio ricordare ! Aiutatemi !

Vi abbraccio da quaggiù…

HASTA

 

I miei primi 40 anni (cit.) …

Eccoci qui quindi, salto lo steccato come quello dell’olio cuore. Era il 17/01/1973  , non so che tempo facesse , non so che cosa si respirava attorno alla mia futura casa in quelle ore. So che se comincio così, finirò per intristirmi ed è l’ultima cosa che vorrei fare. Perciò ora stappo una bella lattina di acqua tonica (!) e cambio registro.

Vorrei poter fare un bilancio ma i bilanci sono per chi finisce ed io ho appena cominciato. Diciamo che negli ultimi …uhm… 10 anni sono decisamente più soddisfatto di quello che faccio, di come agisco, di come penso e di come imparo a migliorarmi in tutte queste cose. Non voglio mettermi a recriminare ma non sono affatto soddisfatto di come ho gestito ad esempio gli anni dell’università. Si poteva/doveva finire prima e poi … chissà, forse non sarei nemmeno qui a scriverne. Se avessi avuto un pò di coraggio in più forse non sarei mai partito (!) e forse sarei tornato (!) ma sono forse TROPPO , davvero TROPPO grandi, anche per un quarantenne.

Quello che penso veramente? Che di sfide ne ho affrontate diverse, molte da solo, parecchie insieme alla mia famiglia, altre insieme alla mia nuova e giovane famiglia. Penso che sfide e traguardi e problemi e cose da fare non mancheranno anche nei prossimi anni: ci vogliamo fermare? Naaa ! Troppo facile ! Il futuro è aperto : ad esempio chi si occuperà di salvare Flavio da Giggimerdadalessio e laurafaicaapausini ? (PS: la mamma lo addormenta con i Supertramp ed è già un inizio, anche se per me, prima di “Nevermind” la musica non esiste 😛

HASTA

 

 

Mark this …

Non so bene come spiegarlo, ma oggi mi sembra un giorno speciale e me lo volevo segnare in qualche modo anche così. Mi sento davvero carico e spero che questo si traduca in tanti cambiamenti, in casa in famiglia e al lavoro. In ogni caso non c’è niente che farei senza di voi …

P.s.: il piccolo c’è quasi riuscito a mettersi i piedini in bocca : che ridere !

20120915-180211.jpg

20120915-180650.jpg

Friday i’m in love …

E’ successo di Venerdì. Dovevamo essere in ospedale a Pescia alle 8:00, causa basso livello di liquido amniotico. Risultato, scarsa poesia, parto indotto praticamente certo. Ed invece … alle 2:00 AM si ode un’esclamazione nemmeno tanto velata: “Mau, mi si sono rotte le acque !”. Partenza per l’ospedale, arrivo alle 3 circa. Siamo già a Venerdì 11 Maggio ma la strada era ancora lunga.

Dopo 2 cicli di epidurale, continuo dosaggio di ossitocina , incredulità delle ostetriche, l’arrivo dei Nonni Luciano e Luciana da Ascoli P. , una capatina a casa del Papà per riposarsi (?!?) un attimo, 40 minuti circa di fase espulsiva, svariati punti per la Mamma … finalmente alle 19:09 sei arrivato tu , piccolo Flavio. Papà è riuscito a stare vicino alla mamma e insieme ti abbiamo visto nascere (Papà ha anche visto i tuoi capelli spuntare piano piano da .. beh ci siamo capiti).

Vogliamo (voglio !) essere banali , più banali di così non si può: non esiste emozione più grande che veder nascere tuo figlio/a, è qualcosa di speciale e magico e travolgente e non vedi l’ora di vederlo/a, di stringerlo/a, di parlargli (le nostre prime parole ? “ciao Ciccio” ovviamente !), di dargli da mangiare (Mamma side).

I 3 giorni successivi sono stati difficili (soprattutto per Mamma): se brave e gentili sono state le ostetriche della sala parto, altrettanto non si potrà dire alla fine di (alcune) ostetriche e collaboratrici del reparto. Mamma praticamente non ha dormito per 3 giorni e tu , poverino, non avevi altro che FAME, tremendissima FAME.Ma alla fine ti portiamo a casa 🙂

Ti ho preso Mamma !

E poi, il latte che arriva ma non arriva, ma chissà se arriva … il papà (ma a chi è che non è capitato) che corre in macchina alle 3:00AM per cercare una farmacia di turno che il latte della mamma è finito e bisogna comprare quello artificiale e poi … le prime notti a guardarti dormire, e poi … le prime risatine appena abbozzate … e poi finalmente arriva il latte, finalmente riprendi peso e si sente e si vede … e poi “ma a chi somiglia?” … e poi “ma di che colore saranno questi occhi?” … e poi … la gioia dei Nonni che arrivano da così lontano per vederti , si , proprio per vedere te mica noi 🙂 e poi … tanti piccoli aneddoti che teniamo per noi , proprio per noi tre, eh già, che da adesso in poi siamo in TRE ! Io e Mamma abbiamo delle chicche … ma aspetta ancora un pò, ci sarà da divertirsi !

E poi … via con 1000 e più KM , ti abbiamo “sballottato” tra Marche e Calabria e Toscana ma hai cominciato subito a farci vedere di che pasta sei fatto :

Che ridere !
Che ridere!

O ancora :

Papà sei uno spasso!
Papà sei uno spasso!

E infine il matrimonio di Daniela e Paolo con la Mamma (sempre più bella direi 🙂

Serata Mondana in braccio a Mamma!
Serata Mondana in braccio a Mamma!

Ora dormono tutti, o quasi visto che quel bischero di Papà è ancora a schiacciare tasti sul netbook … e sono passati 4 mesi ! La casa si è riempita di qualche pupazzetto e qualche giochino (pochi sennò la Mamma sclera!) e soprattutto si è riempita delle tue risatine, dei tuoi gridolini, dei tuoi “oooooooooo” ! iI lo so, ce ne abbiamo messo del tempo per pubblicare queste 2 righe, ma ora che abbiamo iniziato , chi ci ferma più ? A dormire adesso che domani …. già domani sarà un altro giorno bellissimo 🙂

HASTA

 

Non portarmi via di qua : sto male …

Ho voluto un pò giocare con il titolo di questa canzone dei Perturbazione

che tra l’altro è una cover di Belle&Sebastian. Ho voluto giocare perchè la prossima settimana vado via, ritorno a prendere un pò di schiaffi stranieri. Ma ormai come dice qualcuno “non ho paura sai degli ecomostri, dei parchimetri, dei centri commerciali, dei benzinai”. Vado via ma per l’ultima volta, Flavio avrà bisogno del Papà e della Mamma. La Mamma si è congedata dalla scuola, e guardate chi ci ha raggiunti in casa :

Benvenuto Caneade ! (grazie Alessandro per il nome a dir poco evocativo , specie per una professoressa d’italiano). Questo WE torniamo IN Ascoli dopo tanto tempo e tanta neve 🙂 Il count-down si può dire iniziato e, francamente, non so immaginarmi come possa essere questo evento ma non vedo l’ora di arrivarci . Rimangono tante cose da fare, alcuni mobili da montare (distruggere) ma l’entusiasmo è tanto … almeno quanto la stanchezza ma non ne parliamo vero ? Il bello deve ancora arrivare per quanto riguarda la stanchezza. Forse abbiamo sistemato anche la questione vacanze estive: se Dio vuole saremo qui le due settimane centrali di Agosto.

E’ passato un mese o poco più … sei stata in ospedale: RIPOSATI ! La paura è passata , ora siedi e aspetta !

Notizie varie ed eventuali… a presto.

HASTA

 

Quando arriverai …

Già: ci siamo ! O meglio ci siamo QUASI. Divento papà, primi di Maggio secondo i calcoli ma tu fai con calma… noi saremo sempre qui.

Per questo ricomincio a schiacciare questi tasti, per questo e per tanti altri motivi. Per dirti che quando arriverai, spero di essere migliore, spero di avere imparato qualcosa in più rispetto ad adesso. Quando arriverai, non avremo più paura dei supponenti teutonici, della loro economia forte, delle loro macchine fatte meglio, e della loro noiosissima precisione. Ci vogliono prendere la nostra serenità? Bè un calcio nelle palle non glielo leva nessuno! (Questi sono gli unici teutonici che accetto alla mia porta!)Quando arriverai, questa casa sarà più bella di come è adesso, sarà caldo e potremo uscire tutte le volte che vorrai (il comune ci sta già preparando delle belle zone per rivivere il fascino della via Francigena) Quando arriverai sarai pronto a fare tanti KM per raggiungere nonni e zii e cugini e amici che , sai, non aspettano che te.  Quando arriverai, piangi pure quanto vuoi, che vuoi che sia, non ti preoccupare. Quando arriverai, papà e mamma sapranno cosa fare e puntualmente NON sapranno come farlo , ma non ti lasceranno mai solo.

Queste sono le prime righe che ti dedichiamo, questa (per ora, finchè non ne troverai tu un’altra) è la prima ninna nanna che vogliamo suonarti:

Hasta

PS: il resto non conta niente !

Exit 2011 …

E quindi ci siamo quasi.Abbiamo voglia di questo 2012? Io si , un sacco!Muoviamoci, muovetevi svegliamoci.Siamo indietro siamo in salita ! Se c’è una cosa che non ci faremo mancare in questo 2012 sarà la Speranza 🙂
Hasta

“I know, you did send me back to the future, but I’m back, I’m back from the future!” (cit.)

Che dire ? Uhm, beh per adesso niente, almeno finché non avrò recuperato il backup del vecchio blog e avrò capito dove eravamo rimasti. Per il momento sono contento di aver rimesso in piedi queste pagine, grazie anche a Tommaso.

Al momento so bene come vorrei che questa nuova storia continuasse, anche se i risultati “veri” si vedranno tra un po.

Una cosa nuova: basta con le “iniziali” i nomi nascosti, i riferimenti incrociati e i link ermetici: pane e pane e vino al vino ! Qui, o si racconta la storia oppure meglio lasciare stare.

Ci saranno contributi vari e molteplici, anche (spero) da parte di “terze parti” che si potrebbero/dovrebbero occupare di alcune sezioni e notizie (vedi ricette e affini) dalle quali (per ora) mi terrei alla larga!

Per adesso un paio di piccole storie dal quotidiano (e da dove sennò ?) che hanno entrambe per tema “la scuola” :

  • Quest’anno è andata male per mia sorella: una scuola di “non volenterosi” (vogliamo chiamarli così) l’ha costretta spesso a stare a casa ed altre volte ad “implorare” di fare almeno una misera fotocopia o un misero fax. Che dire? Io penso solo che queste persone dovrebbero farsi una domanda ed una sola: “dove ho sbagliato?” e la risposta la troverebbero sicuramente negli occhi e nelle mani (dis)abili di una ragazza che VUOLE LAVORARE. Cioè, ci rendiamo conto: qualcuno vuole lavorare (si tratta di compiti semplici è vero..) e non si trova nulla da fare ? In una scuola ? Ma davvero ? Buona fortuna per l’anno prossimo, sono certo che andrà meglio (anche perché peggio direi che non si può !)
  • Boccio/Non Boccio: si va bene, un po  di “sano” giustizialismo fa bene ogni tanto. Aprite gli occhi e le orecchie però: qui non siete in uno strano e stimolante video-game in cui prendete più punti se mandate a casa i ragazzetti con il timbro della bocciatura oppure se vi scozzate più o meno con i vostri colleghi. Qui non siete più o meno bravi se bocciate di più o di meno. Si va bene, è la scuola pubblica, è qualcosa che Berlusconi vuol far scomparire, è allo sfascio perché mancano i soldi e quasi ogni giorno vengono fuori storie di inauditi auto-finanziamenti per attività o strutture che DOVREBBERO essere garantiti e pagati dallo stato. Lo so che il “burn-out” è dietro l’angolo.  tenete duro però e soprattutto fate la cosa giusta ! Non sparate cazzate tipo “i problemi li abbiamo tutti”: basta ricordarsi come eravamo tutti  (me compreso) alle medie o anche al liceo ! Brrrr…rabbrividiamo !

Come rientro (400 e passa parole) non mi sembra malaccio … si può fare di meglio però ! SEMPRE !

HASTA (questa la lascio , non si sa mai la scaramanzia, vanno a fuoco i servers come ad Aruba)

PS: To do

  1. Categorie
  2. Tag(s)
  3. Pagina Info
  4. PC nuovo (questo Netbook è trooooppo piccolo!)
  5. Varie ed eventuali …

Stay tuned!


"Abbiamo fatto una cazzata" (cit.) …

Non c’entra nulla e si, lo so: sono una puttana 2.0, mi vendo al primo web-social-service che mi capita … ma da oggi qualcosa succede anche qui … sempre per chi ne ha voglia !

HASTA

Forever and ever.Amen.

Lo so che stai pensando che dovrei essere a letto a dormire perché domani si riparte. Eppure lo sai che ho questa urgenza, che non ce la faccio a non scrivere 2 parole prima di andare via. Questo vale per te e per tutti quelli a cui tengo. Che se c’è una cosa a cui non rinuncerò mai siete proprio voi. L’oroscopo dice che ci saranno cambiamenti? Qualcuno non si fa i cazzi propri e non riesce a tenere la bocca chiusa? Cambieremo destinazione d’uso? Perderemo tutto e ricominceremo daccapo? Tutti i cristalli di questo minuscolo LCD si oscureranno all’unisono esplodendomi in faccia? Chi lo sa ? Io vorrei solo che fosse venerdì oppure martedì?? prossimo oppure addirittura mercoledì quando sarò ufficialmente possessore della nostra casetta. Lo sapete voi che martedì si chiude un ciclo? Sei anni (KM più KM meno) di schiaffi presi ma anche dati.Di soddisfazioni e sconfitte, di viaggi mai dimenticati in posti che probabilmente non avrei mai raggiunto altrimenti. Grazie(?) e ANDATE TUTTI AFFANCULO ! Io sai che faccio? Cambio il titolo al blog, che abbiamo tutti bisogno di una speranza per il futuro. Perciò, se pensiamo alla fine che il tempo ci aggiusterà un po’ di cose forse potremo lavorare men…col cazzo!Sono qui a dimostrarlo, sono qui per dire che nessuno lavorerò più di me da adesso in poi, e se lavorare vuol dire passare avanti perché ? giusto così? e nessuno ti deve passare avanti perché ci sono abbastanza stronzi davanti a te e adesso basta bé, che lavoro sia !

Intanto chi c’è c’è , noi si parte !

HASTA

PS: la prossima volta vi racconto di :

1) Come ci siamo sposati …
2) C’era una volta il Giappone …

Ci hanno rubato il futuro (Cit.) …

Dopo Fidel che si accorge che il modello cubano non funziona più (!?!) ecco il turno di Bersani che ci illustra come vincerà le prossime elezioni … ah no… non è proprio così anche perché penso non abbia proprio idea di come fare. La frase l’ha detta giusta solo che arriva con 3-4-5-6 anni ? di ritardo? Vorrei citare qualcun altro :”Sarà un anno lungo, per me, per noi, per il governo e per l’Italia”. Così sei andata via, io scrivo dal tuo Asus, rimesso a posto ma non troppo, aggiornato quanto basta con l’aggiunta di qualche applicazione di quelle che piacciono a me e risultano incomprensibili a te. Sei partita e oggi non mi sono trattenuto … ho girato come una trottola per le stanze VUOTE di questa casa che, ormai, non ci appartiene più. Ho “messo a posto” ma forse ho solo “spostato la roba” come dici sempre tu. Ho raggiunto il massimo numero di Computer accesi nello stesso momento (avrei potuto fare meglio, avevo ancora la PS2 ed il vecchio Pentium2 da accendere!) Ho letto, ho fatto pulizie, ho lavato i piatti. Ma c’era solo una cosa che avrei voluto fare: abbracciarti. E’ vero che sarà lunga, ma non siamo mica normali noi. Non si può dire, guai a chi lo dice. Siamo 2 trottole (impazzite) … siamo due scemi del villaggio … siamo 2 pazzi allucinati … siamo quello che avremmo sempre voluto essere, siamo io e te 🙂

Tra un pò saranno 3 anni … e guarda dove siamo arrivati !

Non ti preoccupare : arrivo !

HASTA

Podcast forever …

I viaggi in macchina rimangono, e quindi bisognava trovare una valida alternativa alla raccolta di CD-RW con musica pseudo-indie-pseudo-sconosciuta-della-quale-non-ricordavo-mai-i-titoli-e-nemmeno-gli-autori (sono stato chiaro??) !!
L’alternativa l’ha trovata ovviamente la dolce metà , dopo però che il sottoscritto aveva brillantemente illustrato le potenzialità di un jack AUX e di un cavo maschio-maschio !
L’altrenativa si chiama Podcast Hall ed è una vera miniera per gli appassionati di trasmissioni radiofoniche, come ad es. “Alle 8 della sera” di Radio2.

Ebbene una delle prime trasmissionni che abbiamo ascoltato con piacere è stata “Venti divi,venti film” di Giovanna Gagliardo. Non pensavo quante e quali storie di persone e fatti si potessero ricavare a partire dalla realizzazione di un film: attori, produttori, scene e ambientazioni. Era ora di iniziare a recuperare qualche film …

abbiamo iniziato da questi 2 :

Ora chi ci ferma più ?

HASTA

Facebook ci ha rubato l’anima …

Eh si, si può dire che il numero di post su questo indirizzo da quando esiste FB, o meglio da quando ha preso possesso della nostra vita online è drasticamente diminuito. Bè diciamo anche che non è che sia stato poi così tanto libero in questi ultimi … 5 mesi ? si vabbè, direte voi, che vuoi che sia: fare la cresima (con relativo corso ) … seguire il corso pre-matrimoniale … organizzare il viaggio di nozze in Giappone (non proprio dietro l’angolo) … sposarsi (il 24 di Aprile, come se fosse il 7 di Novembre) … partire per il Giappone … “sopravvivere” (in realtà siamo stati benissimo!) a 2 settimane di ramen, tofu, pescetti fritti a colazione, sushi (buonissimo) , noodles … e quindi più che a FB darei la colpa al poco, pochissimo tempo che ho potuto dedicare a questo … uhm, cosa sarà diventato nel frattempo?

Quello che vuole essere nel futuro ? una scappatoia dal “postaggio mordi e fuggi” di FB, Twitter etc. etc. Infatti per prima cosa leviamo queste pagine dai feed di FB, e poi… poi si vedrà ! Per ora si va a dormire che la Sagra del Cencio ci ha veramente distrutto !

HASTA

Cosi fan tutti … o meglio "mettiamo un disco sul giradisco"

Tutti si sbizzarriscono con le classifiche di fine anno … il 2009 è già finito ed il 2010 ha già portato un paio di bachi (vero SpamAssassin?) ed io non ho ancora pronta la mia classifica. Ma che cazzo, non sia mai! Eccola qui (per ora solo i primi 5) :

  1. Brunori SAS – Vol.1
    Perché, scusate, ma la musica “italiana” non si sente affatto su X-Factor né su Amici , né , forse, a Sanremo.Perché ? un disco semplice eppure geniale. In ogni singola canzone potrei dire di ritrovare qualcosa di molto, molto personale, e non succede spesso.Sarà perché ? calabrese come me 🙂 Sarà perché quando l’ho “braccato” all’uscita del teatro Umberto a Lamezia il 31/12, ci siamo abbracciati dopo avermi firmato il disco appena comprato. Ecco perché Dario Brunori ? il mio eroe del 2009, insieme a me stesso (che sono riuscito ad arrivare in fondo all’anno!) e a mio papà.
  2. Fuck Buttons – Tarot sport
    A nessun Laptop è stato fatto del male per fare questo disco. Il primo disco mi era sembrato “troppo rumoroso”, ora non riesco a fare a meno di questo rumore. Personalmente mi fanno venire voglia di saccheggiare Ebay per cercare quei minuscoli aggeggi (professo la mia ignoranza totale) che usano, per far venir già un po’ di intonaco dal rumore. Non so se quello che fanno può rientrare in una qualsiasi categoria musicale, ma “francamente me ne infischio” (cit.)
  3. The XX – XX
    Freddo, ecco come lo definirei. Ma il freddo ti conserva, ti fortifica, ti fa apprezzare il caldo quando ritorna. Sono freddi ed essenziali, ma ci piacciono così. Non sappiamo quanto dureranno ? Chi se ne frega. Non li abbiamo visti dal vivo quando qualcuno dice che non ne vale la pena ? Va bè… io continuo a consumare il disco.
  4. Blood Bank EP – Bon Iver / Unmap – Volcano Choir

    Justin Vernon è un altro dei miei eroi del 2009 ! “Blood Bank” mi ha accompagnato per tanti di quei KM che non saprei nemmeno contarli, ha il ritmo delle canzoni che servono proprio a farti tenere gli occhi sulla strada, sperando di arrivare presto a casa.
  5. L’amore non è bello – Dente
    Un’altra promessa per il futuro … nessuna sbavatura, sento almeno una volta al giorno “Vieni a vivere” … perché ho una speranza per questo 2010 (buggato) !

Ho finito … per ora , ma ci sono sicuramente degli altri dischi che meritano e soprattutto che ho bisogno di ri-ascoltare e ricordare !

HASTA

PS: cambio tema e nome-al-blog e città e macchina e testa … e chissà cos’altro 🙂 Ma te, non ti cambierei con nessuno al mondo.

Proprio a me vieni … ?!?

Così abbiamo sempre detto … così continuiamo a dire. Basta, se volete non se ne parla più. Ma come di cosa ? Di politica, perché è giusto questo che ci disturba. Ci disturba vedere che anche Rolling Stone (nonostante una storia che non conosco lo ammetto , ma che mi dicono fatta di reali “prese in giro” ?!?) abbia a che fare con quell’uomo. Ci disturba vedere che ancora una volta gli si offra un’alzata clamorosa per l’ennesima schiacciata (scusate il gergo pallavolistico) a base di battutine, a base di “ma suvvia, sempre a lamentarvi … l’avete votato … ” ma chi ? Ma quando ? Gli si offre sempre la spalla, quando l’unica cosa che bisognerebbe mostrargli sono al massimo le chiappe, il braccio+mano a mo di gesto dell’ombrello, il dito medio, le pezze al culo di molti italiani che continua a rovinare. Ecco … al contrario di tutte le altre volte che sono stato zitto, perché in fondo “non è casa mia” oggi voglio entrare in casa di una famiglia media italiana, voglio vedere cosa hanno da dire, voglio proiettare tutte le cappellate e le schifezze che questo governo sta perpetrando da mesi ormai, voglio Youtube a palla a spiegare che questo ? quello che “hanno votato” … voglio spiegare che chi si ritroverà male sono i loro stessi figli, le persone che avete giurato di proteggere e difendere !! DIFENDERE !!! Sappiamo ancora cosa vuol dire DIFENDERE delle IDEE e delle VERITA’ ? Non mi sembra … ma allora almeno STIAMO zitti per Dio !!! MO BASTA !

HASTA

Ti potrei raccontare … se solo mi ricordassi …

Dicono che dovrei cantare … che è tradizione. Bè ci siamo, sono pronto, se dovessi scegliere adesso, sceglierei una qualsiasi delle canzoni di “Vol. 1” , il disco d’esordio di Dario Brunori, che ha vinto il premio Ciampi 2009 come miglior esordio dell’anno (!!!) .E’ importante sostenere la canzone italiana … è importante che vi rendiate conto quanto ha da dire questo giovane dalla provincia di Cosenza … è impressionante come tante delle cose che vengono fuori da questo disco mi tocchino e mi tocchino così da vicino. Grazie Dario !

BRUNORI_SAS.jpg.big

Se proprio dovessi cantare … forse vorrei essere “disordinato” … forse dovrei esserlo … disordinato come tutte le “cose” qui attorno … eddai, su… l’avete indovinato che sto parlando di un altro disco altrettanto bello : “Il disordine delle cose” (qualcuno , come me si ricorderà solo ora, vedendo le loro foto , di averli visti come spalla ai Perturbazione un anno fa al Tago Mago).Heavy rotation … musica leggera, che ti cambi l’umore anche se fuori non si vede una mazza e vorresti forse essere da un’altra parte … cosa che magari avverrà tra poche ore e qualche centinaio di KM !

il+disordine+delle+cose

Ecco stasera sto in pace … -5 mesi !!!!

Il Pugile – Brunori SAS – Vol.1

la devi smettere di darmi pugni,

non sono mica un pugile,

ma tu non capisci la poesia,

sei solamente un tecnico.

E si lo so che sei infallibile

che sei di ferro e indistruttibile,

mentre io sono un fiore (3X)

la devi smettere di darmi calci,

non sono un super santos,

ma tu non cogli l’ironia,

di questa mia strana poesia,

e si lo so che sei imbattibile,

che sei perfetto e irraggiungibile,

mentre io sono un fiore (4X)

E si lo so che sei infallibile,

che sei di ferro e indistruttibile,

mentre io sono un fiore (4X).

HASTA

Decidetevi …

Chi lo vuole fisso , chi lo vuole mobile … chi semplicemente lo vuole. Insomma, possibile che … ma immaginatevi la scena, la mattina uno di questi cervelloni (sar? Bondi, sar? Tremonti, sar? la Gelmini) si svegliano … e pensano “Oggi cosa piacerebbe sentire ai nostri elettori?Uhm…. ma CERTO !! Il POSTO FISSO !! Ecco , perch? non ci abbiamo pensato prima!”. Chiss? se ci diranno anche come fare a trovarlo questo posto fisso … o meglio come spiegheranno questa “rivoluzione” ai nostri precari, ad esempio quelli della scuola. Mentre Tremonti blaterava a vanvera, in aula alla camera passava il decreto Gelmini con il comma 1 “i contratti per le supplenze non possono in alcun caso trasformarsi in rapporti di lavoro a tempo indeterminato e l’immissione in ruolo” !?! Oddio, devo aver capito male … uhm..allora il posto fisso gli insegnanti come lo otterranno ?Diventa sempre pi? difficile … sempre pi? dura. Allora che si fa ? domani si fa lo struzzo ! Un giorno solo, voglio tapparmi gli occhi e sperare di essere in un altro posto. Meglio ancora sarebbe iniziare a lavorare per esserci davvero in un altro posto da qui a .. un anno ! Che dite : ce la facciamo ?Uhm.. mi sa che dovremo dare un altro p? di sangue ..

Blood Bank – Bon Iver
uuuuuh uuuuuh uuuh (4x)

Well I met you at the blood bank
We were looking at the bags
Wondering if any of the colors
Matched any of the names we knew on the tags

You said see look it that’s yours
Stacked on top with your brothers
See how they resemble one anothers?
Even in their plastic little covers

And I said I know it well

That secret that you know
That you don’t know how to tell
it f–ks with your honor
And it teases your head
But you know that its good girl
Cause its running you with red.

Then the snow started falling
We were stuck out in your car
You were rubbing both my hands
Chewing on a candy bar
you said ain’t this just like the present
To be showing up like this
There’s a moon waning crescent
we started to kiss

And I said I know it well

That secret that we know
That we don’t know how to tell
I’m in love with your honor
I’m in love with your cheeks
what’s that noise up the stairs baby
Is that Christmas morning

And I know it well (8x)

HASTA

PS: la vecchiaia incombe e si vede e si sente. In un solo weekend sono riuscito a perdere il concerto dei Castanets (poco male, c’? chi dice che mi sarei addormentato) , degli XX (ma se leggete Accento Svedese probabilmente poco male perch? non sarei riuscito nemmeno ad entrare)? e dei Fuck Buttons (ma cazzo… io il luned? mattina devo farmi Bologna-Altopascio abbastanza in fretta … un live dei Fuck Buttons equivale ad una giornata PIENA in un cantiere !!! Come facevo ??). Notevole eh ? !!!!

Which side are you on?

Sar? un nostalgico, ma ho comprato ebbene si l’ultimo album dei Pearl Jam:

backspacer-cover-700x726

Com’? ? Bello ! E non parlo solo da “fan” di vecchia data. Effettivamente continuo a sentire a rotazione le prime 4-5 canzoni … ma anche le altre hanno il loro fasciono e probabilmente meritano pi? ascolti ! E che cazzo: mica si pu? vivere solo di I Am Kloot e Gatto ciliegia contro il grande freddo (con tutto il rispetto possibile). L’indie-rock non m’ha affatto stufato, anzi. Per? io aspetto sempre che sti vecchietti pubblichino le date dell’ennesimo tour … e stavolta punto a farmele tutte almeno quelle italiane (tanto ci verranno prima o poi).

3996432600_d019155487

Ho scelto apposta questa foto perch? tanto io mi ci sento sempre pi? vicino (anche anagraficamente) a sti “montanari” … ma si … dai facciamo un p? di downshifting … facciamocelo da soli (DIY) prima che ce lo facciano fare a calci in culo. Prima che arrivi l’ennesimo furbetto “fan” di Silvio e ci dica che “2+2=4” (cit.) … prima che la chiave nella toppa finisca per non girare pi? perch? hanno cambiato la serratura. Mettiamolo nel culo noi al “sistema” come si diceva una volta (ma che fine hanno fatto quelli che ci hanno provato..ce l’hanno mai fatta o sono finiti come? John Lydon ?)

Sarebbe bello no ? Ormai ? solo un’altra ennesima utopia .

Tra 10 giorni inizia il count-down “-6 mesi” … che di per se stesso non conta quasi nulla ma per la “burocrazia” ? un traguardo importante e bisigna cominciare a darsi da fare, produrre “carta” significativa : “Let’s carry on / carrying on” !

Got Some – Pearl Jam – Backspacer (2009)
Every night with the lights out where you gone? What’s wrong?
Every time you can try but can’t turn on, a rock song

I got some if you need it, I got some if you need it
I got some if you need it, I got some if you need it

Get it now, get it on, before its gone, let’s everybody carry on, carry on
Get it now, set it off, before its gone, let’s everybody carry on, carry on

Precipitation, which side are you on? Are you on the rise, are you falling down?
Let me know, c’mon let’s go yeah

I got some if you need it, I got some if you need it
I got some if you need it, I got some if you need it

Get it now, get it on, before its gone, let’s everybody carry on, carry on
Turn it up, set it off, before its gone, let’s everybody get it on, get it on

This situation, which side are you on? Are you getting out? Are you dropping bombs?
Have you heard of diplomatic resolve? Yeah

Precipitation, which side are you on? Are you on the rise, are you falling down?
Let me know, c’mon let’s go Yeah

I got some if you need it
I got some, oh, oh

Get it now, get enough, before its gone, let’s everybody carry on, carry on
Turn it up, set it off, before its gone, let’s everybody get it on, get it on

This situation, which side are you on? Are you getting out? Are you dropping bombs?
Have you heard of diplomatic resolve? Yeah

Precipitation, which side are you on? Are you drying up, are you a big drop?
Are you a puddle full of detrimental?

Got some, got some
Carry on, carry on
I got some if you need it, I got some if you need it
Carry on, let’s go

HASTA

PS: vedi come sono bravo, a vedere The XX non ci vado (porca puttana), ma regalo un MP3 (scaricabile dal loro sito aggratis) . Proviamo a farcela per Castanets@Caracol (che mi dicono essere frekaggianti ma non pallosi) oppure (BUUUUUM!) per Fuck Buttons@Locomotiv (anche se Tarot Sport mi ha fatto venire voglia di suonare pi? forte che posso Street Horrrsing!!)

Farabutti …

Nervoso, tutto il giorno. Nervoso … ma si, arriva l’ora ed il momento di calmarsi un p?. Arriva il fine settimana, e dimentichiamo. E ricominciamo … in questo momento ( e cito ) “bisogna porsi degli obiettivi pi? grandi” … pi? grandi di arrivare a casa la sera, pi? grandi di finire di fare tutto quello che si deve nella giornata lavorativa. Pensare a costruire, pezzo dopo pezzo. Pensare che nemmeno Berlusconi ti possa fermare … e ci mancherebbe altro. Lo dico sempre anche io, che se ci si ferma al quotidiano “non ci resta che piangere”. Per? noi abbiamo una visione, abbiamo un obiettivo. Ed il nervosismo passa, davanti ad un Amaro del capo, oppure davanti ad un film (stavolta ce l’ho fatta a finirlo). E’ cos? … possiamo definirci dei “perdenti”? Dei “falliti” ? Non lo so.. potremmo nascondere la testa sotto la sabbia, e sicuramente lo facciamo per il 99% del tempo. Per? io non mi sento ancora un fallito. Le occasioni ce le siamo giocate, tutte, chi bene e chi male. Ma chi pu? dire , alla fine , chi avr? ragione ? A me basterebbe per esempio … che fosse gi? venerd?.

E qualcosa per tirarci su (si fa per dire)

Crystalised – The XX
You’ve applied the pressure
To have me crystalised
And you’ve got the faith
That I could bring paradise

I’ll forgive and forget
Before I’m paralysed
Do I have to keep up the pace
To keep you satisfied

Things have gotten closer to the sun
And I’ve done things in small doses
So don’t think that I’m pushing you away
When you’re the one that I’ve kept closest

[ahh ahh ahh] x4

You don’t move slow
Taking steps in my directions
The sound resounds, echo
Does it lesson your affection
No

You say I’m foolish
For pushing this aside
But burn down our home
I won’t leave alive

Glacies have melted to the sea
I wish the tide would take me over
I’ve been down on my knees
And you just keep on getting closer

[ahh ahh ahh] x4

Glacies have melted to the sea (Things have gotten closer to the sun)
I wish the tide would take me over (And I’ve done things in small doses)
I’ve been down onto my knees (So don’t think that I’m pushing you away)
And you just keep on getting closer (When you’re the one that I’ve kept closest)

Go slow x5

Qui.. se volete sentirla … qui se volete venire a vederli. Io SPERO di esserci .. se non mi ferma Berlusconi !

HASTA

Da grande voglio fare … il contadino …

E’ cos? che finiremo tutti ? Grandi e potenti latifondisti in Farmville ? Sembra proprio cos?. Sembra proprio che nessuno tra noi sappia pi? come lavorare nevvero ? Nessuno sembra fare il proprio dovere? E allora diamoci alla pazza gioia piantando zucche e semi di soia, tanto alla fine siamo proprio delle “teste di cazzo”. Ripenso a 4-5 anni fa, a cosa significava per me lavorare in quel periodo. Significava uscire di casa, significava dimenticare. Ecco, ? questo il punto: ho dimenticato che non significa affatto quello che ho appena scritto. Significa che uno si alza la mattina, prende schiaffi e “CIC” tutto il giorno e poi qualcun’altro arriva e ti da 2 soldi per campare. Ed allora tu vai avanti, pensando che qualcosa di buono in quel codice che hai scritto, in quelle email che hai mandato , in fondo qualcosa di buono ancora c’era e si poteva vedere. Sbagliato di nuovo. Ricominciamo, tu ti alzi la mattina e bla bla, e poi arriva qualcuno e ti dice, bene questa cosa va bene, quest’altra un p? meno … uhm.. questa poi non va per niente: ricominciamo su! Sbagliato ancora ! Ma allora non vuoi capire: allora tu ti alzi la mattina e bla bla bla e poi finisce che , noioso o divertente ti fai i tuoi anni davanti al PC e fino alla pensione … passando un p? il tempo a ridere di varie cazzate con i colleghi. Uhm.. SBAGLIATO SBAGLIATO !! Volete sapere com’? ? B? un p? di tutto quello che ho appena scritto … ma soprattutto arriva il giorno (e arriva quasi mai per colpa tua!) in cui ti rompi davvero le palle di tutto quello che ho appena scritto, arriva il giorno in cui qualcuno che dovrebbe (come minimo) salutarti e guardarti? (come minimo) come una Persona, ti dice che in nrealt? sei una “testa di cazzo”. Quel giorno ? dunque arrivato ? Mah … forse si, forse no.

Io intanto saluto, a mio modo , un “amico” …

Meglio riderci su vai … tanto finiremo tutti come Matti vero A. ? 😛

HASTA

A qualcuno piace caldo (?) ….

Il caldo d? alla testa alle persone, almeno a certe persone. E quindi, mentre si discute di “rimbalzare i clandestini” (vieni sotto casa, vedrai Renzo cosa ti ti toccher? rimbalzare: non ti piacer?!) , si discute di “rivedere certi patti”, si discute se ammettere o meno gli insegnanti di religione agli scrutini (?), qui in casa si discute se sia meglio il ventilatore o il condizionatore. Poi puntualmente, ma non sempre sempre per fortuna, si decide per il ventilatore che fa pi? “eco-bio” e sicuramente strizza l’occhio al portafogli. Gi?, parliamone: per il secondo mese consecutivo sono riuscito a farmi del male beccando l’ennesima multa per eccesso di velocit?. Tutto questo per affossare ulteriormente lo stipendio … per? non mi voglio lamentare visto che siamo sempre qui, abbiamo ancora il lavoro, produciamo (?) andiamo avanti. Ho usato il plurale ? B? scherzavo … la mia met? ? ancora in dubbio se scegliere di lavorare 6 ore a settimana (!!) e rimetterci magari tutti i soldi in viaggi? oppure non lavorare affatto. Di chi ? la colpa ? Potremmo dire di MSG ma non sarebbe la sola, la verit? ? che ancora una volta ? colpa nostra, del nostro voto perso, del nostro stare zitti di fronte a cose che IN QUALSIASI ALTRO POSTO DELLA TERRA sarebbe considerato come minimo uno schiaffo a tutto quello che NOI CON I PIEDI PER TERRA E NON SUI PEDALI DELLA MOTO DI CORONA facciamo ogni giorno. E’ chiaro che poi la gente butta le bottiglie di vetro nel mare di Capri, ? chiaro che poi la gente arriva con il 4×4 in spiaggia pensando sia il giardino di casa sua. Ma anzich? rimbalzare sti poveracci non si potrebbe cominciare a spaccare la faccia a qualcuno di nostri ? Scusate, stasera mi sento un p? leghista … fa niente, prender? una bella mazzetta e far? a pezzi il mio iPod mini che per colpa di una batteria taroccata per poco non mi scoppia in mano (b? almeno ha resistito 4 anni !)

Fa caldooooooooooooo !! Mi sa che stasera ? la seratabuona per il climatizzatore ….

HASTA

See you later …

Ferie … c’hanno provato ma stavolta sono rimbalzati.

Perci?, nonostante l’estremo livello di incazzatura, ce ne andiamo in vacanza e chi s’? visto s’? visto. Fate i bravi eh ? Ci vediamo a fine agosto con tante novit? 🙂

HASTA

il paese non ? reale …

Deve esserci una spiegazione , deve essere da qualche parte solo che non la vediamo. Non parlo di soluzioni. Le soluzioni ahim? tarderanno ad arrivare. Parlo di spiegazioni. Sembra che “quasi” tutti rimandino queste spiegazioni. Sembra che qualcuno addirittura cerchi di darne ma solo per cambiare le cose 2-3 giorni dopo.E allora ? Allora tutto questo non pu? essere reale, non pu? essere che non si sappia dove stiamo andando. Non pu? essere che qualcuno non possa dirci se possiamo sposarci, se possiamo fare figli, se possiamo comprare casa, non pu? essere che tutto questo sia “reale”. Non ci voglio credere e per questo mi alzo la mattina, faccio il caff?, vado a lavoro … e comunque mi sento uno zombie perch? aspetto il prossimo colpo, tanto ne prender? un altro ed un altro ancora, tanto ci faranno fuori solo tagliandoci la testa. Qualcuno dir? che sono il solito disfattista e pessimista: vorrei vedere ! Qualcuno dir? ” c’? chi sta peggio” … e io dico ? ora di contarsi e cominciare a ribaltare un p? di scrivanie. Poi per? non lo faccio, sto al lavoro fino alle 20:00 e pi?, continuo a ritoccare anche sabato e magari anche domenica. Ma giuro, verr? il giorno. Intanto verr? il giorno delle ferie e quest’anno non provate nemmeno a telefonare: l’unica risposta che avrete verr? dal mio gestore telefonico.

Paolo Benvegn? – Io E Il Mio Amore – Aa.Vv. Il paese ? reale
Svegliati
non hai mai fatto niente
e l’immagine di te che trovi interessante non ha mai vissuto nulla ed imprigiona il senso perch? non sai decidere.
Ne ho gi? visti come te stare in silenzio assenti fucilare gli innocenti e i propri comandanti, perch? l’uomo prega Dio ma preferisce Giuda e muore senza vivere.
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Vi ho visto abbandonare i figli
restando nelle case per poi tormentarvi.
E poi questi a loro volta bastonare i saggi senza versare lacrime, perch? l’uomo spara il suo custode e prega l’aguzzino e intanto spia le perversioni del vicino.
Perch? l’uomo prega Dio ma preferisce Giuda e muore senza vivere.
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io….
E ci sono stato anch’io vicino al mare
e in fila come tutti per vedere
se le stelle hanno il profumo di un maestro elementare o la dignit? dei vecchi.
E tu sei libero
ma non ne apprezzi il senso
e i giorni li trascini l’uno dopo l’altro.
E maledici il destino
ma non la tua paura
e poi non credi a niente.
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
E hai paura.
Di cosa hai paura?
Se imprigioni i sentimenti a doppia serratura.
Se ogni muro che protegge ti impedisce di vedere.
Se poi non riesci a vivere.
E non riesci a respirare,
non ti riesci pi? a stupire,
non hai nemmeno un sogno da poter nutrire.
Se non vivi per paura di dover morire,
perch? non credi a niente
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io e il mio amore
Solo io…

HASTA

Long road …

Riporto da Inkiostro (spero di non infrangere alcuna regola del buon blogger riportando la fonte):

Le ho contate, dovrebbero essere una ventina circa.
Almeno una ventina di persone, conoscenti e amici che sanno quello che ? accaduto alle 3:32 del 6 aprile, ma che nell’ultima settimana mi hanno chiesto se fossi tornato all’Aquila per preparare gli esami.

Forse mi devo scusare con loro, perch? la mia risposta ha sistematicamente destato un p? di imbarazzo:
“L’Aquila non esiste pi?”
“Ah gi?, scusami”

Ah gi?.
Ma ? giustificabile.

Ormai le reti nazionali non parlano pi? del terremoto dell’Aquila,
troppo prese a parlare prima della crisi coniugale del premier,
poi della crisi economica ormai superata brillantemente dalla nostra nazione,
poi della pseudo-crisi dell’amministrazione siciliana,
poi delle quotidiane crisi di nervi di questo o quel politicante.

Queste s? che sono notizie.

E quelle rare volte che si parla ancora del terremoto dell’Aquila i toni sono esaltanti,
c’? chi lo definisce “il successo del governo”,
chi parla del “miracolo del premier”.
Si parla di ricostruzioni avvenute,
di problemi risolti.

NON ? VERO.

Le notizie riportate sono solo specchieti per le allodole,
azioni di facciata per mostrare un fantomatico intervento-lampo del governo.

La verit? ? tutt’altra.

La gente ormai da quasi due mesi vive in tenda, e lo fa sia negli afosissimi pomeriggi dei giorni scorsi, sia nelle notti di vento e pioggia, come questa.

E quelli che sono negli alberghi sulla costa si godono ancora per poco il sogno di una lunga e gratuita vacanza al mare, ormai in attesa (a giorni) di essere messi alle porte in vista dell’inizio imminente della stagione balneare.

Di costruzioni per ora nemmeno l’ombra, perch? fino al G8 dell’Aquila si deve lavorare per accogliere i rappresentanti delle pi? grandi nazioni del mondo.
A mandare avanti la baracca ci sono i volontari della Protezione Civile, i volontari dei Vigili del Fuoco, i volontari delle varie Associazioni di Pubblica Assistenza, che si spaccano la schiena per mantere vivibile la condizione ma sempre pi? si lamentano della scarsa presenza dello Stato, della scarsit? di fondi (3.1 miliardi in 24 anni sono BRICIOLE), dei ritardi nei lavori (ad ora, nessuna delle promesse fatte nelle subito successive al terremoto ? stata mantenuta).
E se si lamentano di ci? i volontari che dopo una settimana tornano nelle loro tiepide case, come direbbe Primo Levi, pensate come possono stare le persone che una casa dove tornare non ce l’hanno affatto, che non sanno pi? cos’? la privacy, che sognano una doccia dignitosa.

Non mi sembra il quadro di un successo, questo.

Non mi sembra una situazione risolta.

Lo scopo di questa mail ? solo ricordare a tutti che non sentire pi? notizie in tv non vuol dire che ora tutto sia tornato alla normalit?.

RICORDATELO: L’EMERGENZA NON ? FINITA.

Ti chiedo di inviare almeno a qualcuno questo messaggio.
Se non lo farai non ti accadr? nulla di male,
se lo farai non avrai soldi o amori stucchevoli.

…ma solo, nel frastuono del niente quotidiano occorrono tante piccole grida per ricordare cos’?
un briciolo di dignitosa umanit?.

Grazie di cuore

Un ex-residente all’Aquila

Eh gi? … sar? lunga la strada. Ma ci siamo quasi … speriamo di levarci dalle palle presto l’odioso nano, perch? ha ROVINATO questo paese, perch? ha rovinato l’immagine di quelle che siamo e vogliamo essere. Perch? bisogna cominciare a ricostruire da dove lui ha distrutto.
Un saluto ed un abbraccio a tutti quelli che ho incontrato (ma loro non lo sanno) e quelli che incontrer? a Martinsicuro, dove ci sono diversi alberghi che vi ospitano … vi vedo, siete bellissimi e fortissimi : se ce qualcuno che ce la pu? fare siete voi !
HASTA

So what …

Sono successe tante cose. Qualcuna bella, qualcuna brutta, il bilancio ? sempre qualcosa che si rimanda alla fine (alla fine di che?).

Riepilogando:

  • Questo paese fa schifo, il presidente del consiglio va a caccia di minorenni e non si capisce perch? diavolo non si debba scendere in piazza con le pentole e i coperchi a gridare e a far casino per cambiare un p? le cose. Pensate che ve la dia davvero la casa a settembre (parliamo delle povere persone che hanno perso tutto nel terremoto) ? Pensate che sia in grado di governare saltando da una festa ad un’altra e candidando veline e povere illuse a destra e a manca ? Pensate che l’anno prossimo le nostre scuole avranno il giusto numero di docenti ? Pensate che sia giusto lasciare senza lavoro cos? tanta gente senza dire un cazzo di nulla ?Boh… fate voi, io me ne tiro fuori !
  • Il mio Mac fa schifo, ? lento e non regge pi? alle 1000 cose che dovrei fare in contemporanea … gi? perch? ormai non riesco a fare pi? una cosa alla volta ma ne devo fare minimo 3 ! Mi domando cosa aspetto a comprare un computer nuovo … per? forse la risposta ? nei punti seguenti (com’? bello e ordinato un post a punti? purch? si riesca a finirlo !).
  • Oggi ? stata una giornata di merda, al lavoro … ma succede sempre pi? spesso, a volte ? colpa mia, a volte no . Vorrei continuare a pensare di essere tutto sommato fortunato e spesso mi succede di pensarlo. Ma la mia ricerca continua, perch? “casa mia” sta da un’altra parte …
  • Last.Fm ora si paga : non c’? pi? religione (in realt? lo scrobbling funziona ancora, ? la radio che si paga!)

Ho finito con i punti, ho finito le idee. Ho finito la fantasia e ho finito l’ispirazione. Non ho tempo per pensare, ho poco tempo anche per fare. Mi spinge soltanto un? motore alimentato dalla speranza che questo casino e questa turbolenza un bel giorno finir?, come quando sei sull’aereo e ti appoggi al bracciolo quando si balla un p? e pensi che finir? presto e la strada che ti separa da casa si accorcer?.

Vado, la lavatrice ha quasi finito … poi devo ricominciare a cercare il sonno … c’? bisogno di dire che mi manca anche quello ? Se mi fermassi , cosa succederebbe ?

HASTA

Home is where youre heart is … e aggiungo: adesso ? proprio lontana :-(

Visualizzazione ingrandita della mappa
Ci siamo… Netsons mi ha rimesso in piedi il blog (mea culpa, non avevo riempito un form!) e cos?, questo ? il primo post dal Far East v2.0 (V1.0 ? datato 2006 !). Viaggio = OK, inizio del lavoro = buuuuuuuhh ! tutto quello che mi poteva andare storto, ci sta andando, e a velocit? smodata. Cmq, guardiamo avanti, e sporattutto guardiamo le lancette dell’orologio che segnano le 23:10 ora locale… quindi, per stasera mi accontento di aver rivisto il blog e annunciato l’evento, a domani maggiori dettagli 🙂

HASTA

Eyes on horizon …

Se proprio dovessi scegliere, ogni viaggio, ogni singolo KM che faccio comincerebbe con “Any day now” , perché il testo mi proietta verso la “fuga”, verso la partenza. E se dovessi scegliere ancora, ogni viaggio , ogni singolo KM che faccio finirebbe con “Station approaching” , perchèéla cosa pi? bella ? tornare da dove si ? partiti.
Leggi tutto “Eyes on horizon …”

Someone like you …

Finisce la settimana post-ferie-di-natale. Dura ? Come sempre … forse non ? ancora finita … dato che domani ci diamo dentro un’altra volta… e vabb? , servir? a metterci in tranquillit? per la prossima settimana.

Mentre cerco di stancarmi abbastanza per andare a dormire senza altri pensieri, ho lanciato una mega-operazione di backup sull’iBook che oramai, poverino, non ce la fa quasi pi?. Tenter? un’operazione “alla Windows”: backuppo e reinstallo !!! Lo so, non si fa? con MacOS X ma … ? l’ultima spiaggia !!!
Leggi tutto “Someone like you …”

Is this it ?

Ci abbiamo provato … e alla fine ? stato meglio. Abbiamo vinto sulla neve ed i ghiacci … e siamo riusciti a racimolare un p? di risultati per il futuro prossimo. Abbiamo vinto anche il sonno, derivato da una notte passata senza chiudere occhio e senza motivo per di pi?. Strano … ancor pi? strano addormentarsi e risvegliarsi dopo 7 ore e sentirsi come se fossero passati 5 minuti … quando si dice “non sei pi? il ghepardo di una volta” ( frase al #1 della classifica di questa settimana!).
Leggi tutto “Is this it ?”

And instead of falling down …

Ci siamo … Buon anno quindi !! Questo doveva essere un post pre-natalizio e guarda cos’é diventato ? Un post del 6 gennaio. Vabbè?, facciamocene una ragione. Vorrei lo stesso fare un punto (“.”)? e cominciare il nuovo anno per bene , nonostante sia malaticcio a casa, raffreddato e rintronato e domani, salute permettendo, dovrei affrontare le nevi che attanagliano il Nord Italia.

Leggi tutto “And instead of falling down …”

E io invece ora ho te …

Sar? un “bon iver” ? Mah … per ora siamo attanagliati. Freddo, gelo, pioggia neve. E quindi rimaniamo separati, rimaniamo lontani … come due che non si conoscono come due che non si incontrano da 2 settimane ormai … come due che stanno ancora cercando di capire dove saranno alla fine di questo inverno e all’inizio della primavera e dell’estate.
Leggi tutto “E io invece ora ho te …”

We will burn your cities down …

Certo, appena ci rimetteremo in sesto. Appena sar? passata questa brutta fase. Appena avr? smesso di preoccuparmi per il lavoro, che in fondo ? solo lavoro e per fortuna che c’?. Appena mia madre sar? uscita dall’ospedale, cos? ci potremo dimenticare di quella storia vecchia di 10 anni e pi?. Appena avr? varcato quella soglia domani intorno alle 18:01. Appena avr? fatto quei 368Km.Appena avr? rimesso piede sui campi del DLF per l’ennesimo torneo. Appena avr? messo le mani sull’amplificatorino che ho comprato su ThinkGeek e avr? tirato finalmente fuori qualche nota da quell’elettrica che giace solitaria accanto alla finestra. Appena avr? avuto il coraggio di mandare un p? di gente affanculo.

Per il momento ? giusto che riposi, ? giusto che guardi una sola altra puntata di Lost(IV) , ? giusto che chiuda gli occhi e immagini che …

HASTA

Where you been …

C’? crisi. Grossa crisi ! Non si capisce pi? nulla da queste parti. Nemmeno a provarci. E allora andiamo avanti per inerzia, stando sempre pi? attenti ai passi che facciamo. Guardandoci le spalle, temendo che “oggi ci siamo, domani … chiss?”. Infondo, siamo solo piccoli punti in … boh, qualcosa che, chiss? perch?, sta affondando ogni giorno di pi? . Catastrofismo… abbandona questa casa !! Lo so, parlo e poi chiss? dove vanno a finire questi bytes e questi pixels. Una cosa la so, che non molliamo da queste parti, nemmeno se il “diagramma a barre”? o lo “scatter plot” (quanti se ne vedono in giro per i giornali in questi giorni eh ?) della stanchezza punta decisamente verso l’alto? con picchi attorno ad ogni Mercoled?, per poi decrescere solo leggermente verso gioved? e venerd?. Intanto un altro strano fenomeno si affaccia da queste parti e sono SERIAMENTE preoccupato: io NON sono multi-tasking e non ho alcuna accelerazione HW o SW ! Di questo, le mie dita e la mia testa fatica a rendersene conto. Non ho alcuna capacit? di auto-completamento n? una sotto-specie di T9. Eppure, scrivo, digito, penso, parlo come se potessi andare a chiss? quale velocit? : e allora mi sono imposto uno slow-motion, a partire da stasera-barra-domani (visto : ho gi? iniziato scrivendo barra per /? … ) … aggiungo ekkekkazzo !

Bando alle stronzate … qualche nuova ed interessante scoperta e/o riscoperta :

  • I Notwist sono grandiosi, ed ? stato veramente un peccato non essere andato al loro concerto di Firenze. Per? per una cosa che ho perso, ne ho guadagnato almeno 3-4, che non star? a raccontarvi … perch? lo sappiamo solo io e lei.
  • I Born Ruffians sono grandiosi. Scanzonati, tristi, canzoni che cambiano registro almeno 3 volte … il tempo passa, io macino i KM e loro reggono il passo, provare per credere:

Born Ruffians – Little Garcon

  • I Black Kids sono grandiosi. Viene voglia di ballare no ? Putroppo “It’s friday night and i ain’t got nobody” 🙁
  • Gli Slipknot escono con “All hope is gone” … in heavy , ma proprio heavy rotation nel car stereo, che mi aiuta a superare un p? il trauma del viaggio verso il lavoro la mattina. E poi, all hope is gone : vuoi vedere che sti Slipknot ne capiscono un p? anche di macro-economia ?

Tempo di postare … e magari dormire 🙂

HASTA

Dannato Freeman …

B? … se il mondo dovr? finire il 10 Settembre (o gi? di l?) per via dell’ LHC … (qui qualche nota positiva e pi? confortante) b? almeno voglio conservare quest’idea bellissima ribalzata? da Reddit … che potete trovare qui!!!

Sto cercando di recuperare un vecchio CD di HL, forse il mio nuovo PC aziendale mi consentir? di giocarci ancora … in fondo dobbiamo prepararci no ? E se succedesse davvero … ?? Io ho ancora qualche sassolino che devo togliermi dalle scarpe … qualche concerto che ancora voglio vedere … qualche posto che devo visitare … cross your fingers 🙂

HASTA

Like a rolling stone …

Cos? come erano arrivate, le 3 settimane di ferie sono andate via. Non ci siamo lamentati … ? andato tutto pi? che bene e finalmente quest’anno posso dire di “averle sentite” queste vacanze tanto sospirate. Dovevano finire ed infatti abbiamo ripreso la solita routine da almeno 2 settimane. Vi assicuro che ? dura rientrare a met? agosto ma tant’? … ci tocca. Al mio ritorno :

  1. Un portatile “semi-nuovo” … ch? il vecchio Acer+Celeron non ce la faceva proprio pi? 🙂
  2. Tante email e poca voglia di leggerle 😛
  3. Qualche guaio inaspettato … ma incrociamo le dita e tutto si risolver? vedrai …
  4. Un ministro della P.I. che non capisce un cazzo … ma vabb?, ? allineato con il resto del governo … ognuno ha ci? che si merita.
  5. Una serie di decisioni che dipendono da una serie di eventi che dipendono da una serie di persone e/o istituzioni … “too much complicated” 🙂
  6. Tanto .. troppo sonno accumulato !

Cmq … siamo in ballo e balliamo ch? nonostante adesso si chiami “PD In Festa” e come tale ci siano anche “quelli l? … i DC !! ” (cit.) ci ritroveremo subito a ri-ascoltare Vasco (ripeto … quello buono …ovvero Le luci della centrale elettrica) e magari anche la sorpresa Zen Circus … che , se qualcuno se li aspettava addirittura Metal, io proprio … non li cagavo nemmeno … e facevo molto ma molto male 🙂
GRAZIE !!

HASTA

Era un deserto al contrario …

Gi?, si pu? dire che ieri sera abbiamo inaugurato “ufficialmente?!?” quest’estate 2008, facendo visita , nonostante la stanchezza e la poca voglia , al litorale tirrenico. Quindi mi sono tornate in mente le parole di Vasco , e ho impianto ed immaginato i deserti … ma quelli veri. So che ci sar? il tempo, se tutto va bene tra 2 settimane, per girare fino a tardi ed immergersi in altri bagni di urlatori e musica “inutile” ma irresistibile(!!), ma ieri sera proprio non ce l’ho fatta. Comunque, questa domenica ci regala ancora un altro p? di afa e un pizzico di noia, mentre la prossima andiamo a cambiare aria visitando Suviana?per la mia PRIMA volta in campeggio 🙂 YEAHHHH ! E speriamo che mi faccia bene … in tutti i sensi visto che ultimamente non respiro granch? bene …?

Grandi progetti … grandi speranze … ma per ora (e qui faccio anche la rima) solo voglia di vacanze ! Di pomeriggi sotto l’albero con in braccio un laptop , un bicchiere di latte di mandorla fresco (oppure Brasilena) e TUTTE le serie TV che non abbiamo potuto vedere, sopraffatti dalla stanchezza e dalle corse in giro per l’Italia … a cominciare da ( e qui mi sembra di citare un vecchio film di Fantozzi … quando nel cinema … dopo l’odiata Corazzata Pot?mkin):

  • My Name is Earl Seas. 2
  • Weeds Seas. 2
  • 24 Seas. 5?
  • BSG Seas. 3

Mi mancher? Internet quest’anno ?? B? forse potrei fare la fila per una notte davanti un negozio che vende l’iPhone e continuare ad essere ONLINE SEMPRE! …. Naaaaaaa…?

HASTA

?

PS: Ultime visioni :

  • E venne il giorno (non ne azzecchiamo pi? molte eh?Shyamalan ? Si perde a circa met? del film )
  • Iron Man (uhm… passiamo direttamente a?The Dark Knight va !)
  • Alien vs Predator 2 (avevo bevuto lo ammetto!)
Aspettiamo sto film va … d’altronde Max Payne ? stato uno dei miei VG preferiti:

Io speriamo che me la cavo …

Eh si… gli ultimi giorni sono troooooppo pi? duri : UFFICIALE !

In attesa … trangugio una cena non troppo healthy ma ? l’ultima giuro 🙂

E sempre in attesa del 22/7 ….

Via JR

HASTA

E non ho paura sai …

Non ho paura del caldo … ho tirato su dal garage e ripulito per bene il vecchio ventilatore che ora ? in azione per permettermi di buttare gi? due righe prima di stramazzare al suolo.

Non ho paura della gente che va via dalla mia azienda … non ho paura di quella che rimane … giorno dopo giorno diventer? indifferente a tutto questo e faremo festa !

Non ho paura di arrivare anche questo mese a quota 4000 KM … non ce l’ho perch? non sono quasi mai da solo e soprattutto perch? arriviamo , mangiucchiamo , ci rinfreschiamo e poi ascoltiamo Vasco (bravo … che altro dire ? Grazie per tutte le parole … ) e Cristina (DECISAMENTE diversa da quella di tanti anni fa al Ciak !!) e dopo tanto tempo le ossa e le fibre si ricostituiscono e si ri-saldano tra di loro , dopo tanto tempo passato tra mura fredde e pioggia e freddo … ? arrivata l’estate.

Non ho paura dei segni neri sul braccio destro … perch? … sono solo il risultato di un euforico – troppo – euforico gesto dell’ombrello in occasione dell’inutile parata di Buffon.

Non ho paura … quasi di niente … solo di perdere il ritmo .

Mercoled? 25 … anche se l’indomani mattina si profila l’ennesima trasferta … saremo al Marea … speriamo di avere le spalle abbastanza large da reggere “Il teatro degli orrori”.

Cristina Don? Live @ Ferrara sotto le stelle 2008

Le luci della centrale elettrica live @ Ferrara sotto le stelle 2008

HASTA

Free the gnome …

“No, Virginia …” is out now 🙂

Night Reconnaisance – The Dresden Dolls – No,Virginia … (2008)
Nothing is crueller than children who come from good homes
Gotta forgive them, I guess, but whose side are you on?
Driving around my hometown, I remember it all
Dropping my lunchbox and tampax all over the hall
And they said…

You are a socialist cokehead, we know from your clothes
You are a Satanist worshipper, oh, that’s evil
You think you’re poet, a folksinger, ???
A volleyball player?! you’ve got to be kidding us all

So we hide from the cunts
On a night reconnaissance
Steal flamingos and gnomes
From the dark side of the lawn

No one can stop us
The script is a work of genius
No one has bought the rights yet but
We’re not giving up
Every unwanted lawn jockey fits in the script
Directed by Spielberg and starring the masochist club

Marion looked like hell
Stuck in that ridicules shell
Give us some light and god’s pure love
We know what you’ve been dreaming of
Give us some light and god’s pure love
We know what you’ve been dreaming of
Give us some light and god’s pure love
We know what you’ve been dreaming of
We’re taking you to Hollywood
Hollywood

And we hide from the cunts
On a night reconnaissance
Steal flamingos and gnomes
From the dark side of the lawn

One is a socialist cock-head they dressed in my clothes
One is a Satanist worshipping who’s evil
One is a poet who starts up a band of his own
One is a volleyball player with both of her wrists broke

And we hide from the cunts
On a night reconnaissance
Steal flamingos girls and gnomes
From the dark side of the lawn

And we give them good homes
Give them love they’ve never known
In the loft, in the lawn,
In the town where I was born
In the loft, in the bar,
In the town where I was born

HASTA

Don't need to study …

La “tua” canzone … esercizio d’inglese:

Knots – Pete and the pirates – Little Death

Get out of bed, i’ts the wrong one
Made out of lead get dressed instead,
Hit your head and get your shoes on
Get out of bed and get your socks on

Sometimes I can’t see your face
It makes me sad

I fear my heart rate stops, just stares
I’ve reached the top,
I don’t wanna drop,
My heads in knots
Erase myself
I’m free to hit the rock

Get out of bed, i’ts the wrong one
Made out of lead get dressed instead,
Hit your head and get your shoes on
Get out of bed and get your socks on

Sometimes I can’t see your face
It makes me sad

I fear my heart rate stops, just stares
I’ve reached the top,
I don’t wanna drop,
My heads in knots
Erase myself
I’m free to hit the rock

HASTA
?

?

Top of my lungs …

Festeggiamo ( chi l’avrebbe mai detto!)

Death Cab for Cutie primi in classifica

La traccia ? bellissima, il video mi fa venire i brividi … di freddo, e non ne sento proprio il bisogno … la notte ? lunga e solitaria. Pitchfork & Co. siano con me !

Festeggiamo anche perch? i Rival Schools si dovrebbero riunire (almeno per qualche concerto) e perch? “United by fate” ? uno dei miei dischi preferiti di sempre !

HASTA

Wow …

Ci sono almeno 2 cose “prettamente eccezionali” successe di domenica mattina : mi sono alzato prima delle 10 e sto scrivendo sul blog 🙂 Quindi : rispetto per me !! Quasi 2 mesi mi separano dall’ultimo post, e non ? perch? siano successe delle cose strane o eccezionali. Semplicemente i giorni sono scivolati via , come al solito tra lavoro e “le cose che ho dimenticato di pagare o incassare”. Mi sono trovato leggermente nei guai (si fa per dire, niente di tragico), per un paio di cose che ho rimandato+rimandato+rimandato finch? non mi hanno raggiunto per conto loro e ho dovuto risolverle.

Nel frattempo , specie negli ultimi giorni, ho avuto un p? di tempo per riflettere sull’ (in)utilit? di queste pagine, arrivando alla conclusione che l’unica cosa di cui abbia senso “scrivere” con una certa frequenza e con una certa concentrazione ed una certa soddisfazione ? la Musica. Ho provato e ri-provato a scrivere seguendo altri fili , altri percorsi, e alla fine sono giunto alla conclusione che tutto debba partire dalle note che mi accompagnano nella giornata / settimana /mese . Poi , probabilmente, potrei finire a parlare anche di altro, ma ho deciso che mi concentrer? su questa partenza a base di musica.

Perci? … che ci crediate o no, questo sembra proprio un nuovo inizio, e mentre riascolto un vecchio disco del 2003 (Give Up dei Postal Service) e cerco di smaltire una valanga di dischi nuovi (nell’ordine Long Blondes,Foals, Styrofoam, We are scientists, Why?, Guillemots … ) ecco una testimonianza dall’ultimo tour dei Perturbazione (Pianissimo tour).

Come dice Tommaso, il Fortissimo ? stato eliminato, un p? per forza vista la momentanea (?) assenza del bassista e del batterista, e dunque ? rimasto solo il Pianissimo. Va bene anche cos?, la resa ? alta e sicuramente sopra la media ,basta fare il confronto con i Baustelle visti gratis qualche tempo fa a Pisa. C’? da dire che i Baustelle non mi sono mai piaciuti tanto, sicuramente perch? non ho mai approfondito l’ascolto. C’? chi mi dice che ne vale la pena, ma che ci posso fare se non hanno mai toccato le mie corde ?

E nel frattempo l’estate (che fa fatica ad arrivare a dir la verit?, dannata pioggia) si popola di concerti ed eventi che *NON* si possono perdere 🙂 E quindi attaccatevi a questa lista (con relative percentuali di possibilit?, ciascuna aumentata a piacimento dal sottoscritto a seconda della speranza che si sa ? l’ultima a morire!

Oh… intesi: Ferrara ? a *SOLI* 50Km da L.C.D.A. (sono stronzo con gli acronimi: siete abbastanza bravi da decifrarli ?)

  • Camera Obscura (20%, motivo: leggere il prossimo punto0.1%, motivo: un compleanno importante !)
  • The Wombats (99%, motivo: se mi scappano pur venendo a suonare praticamente sotto casa mia allora sono una FAVA!Rettifica: se mi tocca pagare 22? per vedere The Wombats fare da spalla ai Verve, allora aspetto il 15/10 e vado a BO !!)

Still … aspettiamo cosa succeder? al programma del Marea Festival (anche se Il Teatro degli Orrori sembra essere sicuro) e a quello del JuLive a Bologna che, per sentito dire e per quello che ? successo l’anno scorso, promette davvero bene .

Pu? bastare ?? MAI!!!!

After Hours – We Are Scientists – Brain Thrust Mastery
This door is always open,
This door is always open,
No one has the guts to shut us out.
But if we have to go now,
I guess there’s always hope that,
Some place will be serving after hours.

This night is winding down but
Time means nothing,
As always at this hour
Time means nothing,
One final final round cos
Time means nothing,
Say that you’ll stay
Say that you’ll stay

We’re finally drunk enough that,
We’re finally soaking up,
The hours that everyone else throws away.
And if we have to go now,
I guess there’s always hope,
Tomorrow night will be more of the same.

This night is winding down but
Time means nothing,
As always at this hour
Time means nothing,
One final final round cos
Time means nothing,
Say that you’ll stay
Say that you’ll stay
Say that you’ll stay.

We’re all right where we’re supposed to be,
We’re all right where we’re supposed to be,
We’re all right where we’re supposed to be,
(Time means nothing)
We’re all right where we’re supposed to be,
(Time means nothing)

This door is always open,
This door is always open,
No one has the guts to shut us out.
No one has the guts to shut us out.

Time means nothing,
Time means nothing,
One final final round cos
Time means nothing,
Say that you’ll stay
Say that you’ll stay
Say that you’ll stay.

HASTA

Play…Pause…

Forse un p? pi? Pause che Play … da domani fino a Marted? 25, siamo in quel di Barcellona, per riuscire a dimenticare un p? di stanchezza e un bel p? di amarezze degli ultimi tempi. Ci sono un sacco di cose che bisogna fare al ritorno… ed ? bello sapere che sicuramente avremo la carica per farle :

  1. Pulire sta topaia 😛
  2. Aggiornare WordPress
  3. Sistemare Mike&C.
  4. Music!Music!Music!
  5. Sistemare i conti !
  6. Concerti!Concerti!Concerti!
  7. Correre … se ce la fai !
  8. Dance!Dance!Dance!
  9. Varie ed eventuali

Poi, abbiamo detto che ci fermeremo, ma, a pensarci bene, possiamo semplicemente rallentare … per poi capire cosa farne del nostro futuro.

A proposito di futuro, volevo dire addio a chi il futuro me l’ha fatto vedere e sognare tanti anni fa e non smetter? di farlo ancora per molto tempo…. Addio A.C.Clarke

Ma anche auguri a chi ha cambiato la mia (nostra) idea di “fantascienza” … auguri William 🙂

Pause … Buona Pasqua 🙂

PS: non c’entra molto … per?, mi sembrava giusto ringraziare Musica Da Cucina e Comaneci nonch? il Locomotiv Club … per la grande serata e la grande scoperta di un altro “postaccio” (si fa per dire) da frequentare ASSIDUAMENTE 🙂

Musica da Cucina Live @ Locomotiv Clup

HASTA

Counting my experience points…

E’ inutile che scriva un post per lamentarmi ancora: vado avanti, per? prima o poi dovr? fermarmi a riflettere. Ci sono un p? di cose che ancora non tornano, ci sono cose che non mi si appiccicano addosso, che non fanno presa su questa pelle e su queste ossa (in realt? su questa ciccia visto che ho ripreso qualche chilo di troppo).

Intanto (via Inkiostro? ) come non essere d’accordo con il NYT su D&D

Non ho mai giocato a D&D , ma so come si lanciano dei dadi, lo faccio tutti i giorni … e qui, solo chi maneggia wafer di silicio ha colto la sottile associazione 🙂

HASTA

PS: abbasso i “mangiapane a tradimento che stanno ai mixer” 🙂

Anche io ho una Golf …

Per? so dove l’ho messa 😛

Ascolti:

1) Offlaga Disco Pax – Bachelite

2) Jens Lekman – Night falls over Kortedala

3) (Qualcosa di non ben definito) – Explosions in the Sky

4) Burial – Untrue (ma quando cazzo arriva quest’estate … il caldo … le discoteche sulla spiaggia … i drink in compagnia … le vacanze … un p? di riposo)

Powder to the words – A Toys Orchestra – Technicolor Dreams
I’ve learned to memorize better
The days we say “it does’nt matter”
But now the powder hides the final of the words
We spend too much time hoping
To find again the will to hope
But now the powder hides the final of the words
Will roses blossom through the cinder
The teachers will be pupils again
If just the weather takes the powder off the words
…and all the secrets i have always blessed
I swear i try to pledge myself to not forget
But now the powder hides the final of the words
…the powder hides the final of words
…what does it matter…
Cause all in all it’s just a pile of words!
You move the water
Like a floater
As a fish that swims around
Under the weather
Find the shelter
Like a bunny into the hat
…i’m a ship that runs aground! …
Wait for the purifier rain
I’m on the snail’s trail…
The weight?
The blame?
Have you heard?
…never heard?

HASTA

Noi saremo indelebili …

Parto da solo, perch? A. non ce l’ha fatta a venire … parto con gli occhi stanchi e tanta voglia di un letto, ch? gi? erano abbastanza i KM fatti in settimana. Per? parto … perch? mi dico che sarebbe un’ulteriore sconfitta perdersi il concerto degli “A toys orchestra” alla Flog. Parto alle 20:30 … fuori il freddo ti spezza in 2 … e accidenti perch? “sembrare” un p? pi? giovane costa un mucchio di brividi in pi?. Parto senza macchina fotografica … e gi? me ne pento … accidenti alla mia timidezza, ch? stavo proprio sotto il palco. Sono contento di essere partito … sono contento di essere arrivato, sono contento di aver assistito ad un bellissimo concerto, ch? anche se i nostri (ipse dixit) non si vestono pi? in maniera molto colorata (forse solidali con i problemi di “munnezza” della laoro regione di provenienza) … b? la loro musica scalda e diverte e appassiona. Technicolor Dreams ? una meraviglia e dal vivo non ? affatto male, i miei pezzi preferiti di sempre rimangono Ease off the bit e Powder to the words … alla fine compro la maglietta-che-fa-tanto-indie e raccolgo la mia solita locandina per la mia collezione … mi manca il grande Mr. T che sicuramente mi avrebbe accompagnato in questa giornata … torna presto e porta un altro p? d’assenzio va !!

Tanto per rimanere nella media … torno da FI a notte fonda … la mattina riparto per BO dove mi gusto una meravigliosa giornata “in famiglia” dalle parti di Minerbio 🙂

Domenica : Comaneci+Musica da Cucina ( Locomotiv Club – BO)

A questo punto … solo i denti del giudizio inferiori possono fermarmi … ma giuro vender? cara la pellaccia 🙂

Un’ultima cosa prima di crollare sulla tastiera … ancora … grazie A. , tu sai perch? … tu sai per cosa : ricordi quando ti ho raccontato quella discussione che ho catturato oggi a MI ? Sai cosa mi faceva pi? schifo : che qualcuno potesse pensare che stare bene fosse una cosa da “nascondere” , da gestire … col cazzo !! Voglio che ci si legga in faccia … dovesse anche finire domani … voglio che ci si legga in faccia OGGI !

A toys Orchestra

HASTA

We're back …

Ci siamo sempre eh ? Anche se con :

  • il 100% in pi? di sonno
  • il 150% in pi? di stanchezza
  • il 200% in pi? di cose da fare (incluso una valanga di dischi da sentire)

E forse … ma forse no … sabato si lavora 🙁

HASTA

Crolla …

Ma si, facciamolo crollare questo governo. Facciamo che in un mesetto si ritorna alle elezioni. Facciamo che tutti ci ridano dietro e facciamo scendere questo paese ancora di pi? nella classifica …Facciamo che continuiamo a prenderci in giro, che continuiamo a credere in queste facce un p? cos?, come quella di Mastella … ? cos? che si fa non ci si arrende mai!

Ma vaff?

Sapete che vi dico ? Non so che succeder? domani, pu? essere anche che un giorno finiremo in strada a sbattere pentole e coperchi, e finiremo in rovina … non lo so. “It’s natural to be afraid
Explosions in the sky

Oggi per? sono contento, perch? a volte riesco a toccare con mano l’armonia e la felicit? di una famiglia che ha bisogno di poco per salvare una giornata ! Grazie ! Grazie a voi … io “scendo in campo” ogni giorno 🙂

HASTA

Ancora una giornata cos? e …

E non lo so… e non lo so cosa potrà succedere alla mia sanità mentale. Sono 2 giorni che cerchiamo in due, mica da solo … l’attenuante è che siamo nella stessa condizione fisica di ricordarci il nome Tracy Champman … non che fosse importante, però è un chiaro sintomo che 4 giorni di chiusura completa possono fare davvero male. Perciò adesso … andrò a gettare l’immondizia, per fare il mio dovere verso la societò , ma più che altro per fare un passo fuori da queste mura. Non ne posso UFFICIALMENTE più di sentire nell’ordine :1) Stairway to heaven (presa da chissà quale live , si direbbe recente però … eh si … ce la fanno ancora a cantare e a suonare quei vecchi dinosauri!)2) Blowing in the wind (the answer my friend, is not blowing in the wind : is lowering the volume !)

3)Qualsiasi canzone dei Pink Floyd che non sia Money !! (quella voglio salvarla … chissà perché quella canzone mi è sempre piaciuta)

Ascolto a rotazione:

  • Burial – Untrue
  • Le luci della centrale elettrica
  • The National – Boxer
  • A place tu bury strangers – s/t

E spero che, lunedì 31 marzo, non ci sia proprio nulla che possa fermare la nostra folle corsa verso … Firenze ed il concerto dei Portishead.

HASTA

Cronoblog …

Innanzitutto, un acronimo, tanto per chiarire la mia situazione: “S.A.H.E.” ovvero, “Stay-at-home-Engineer”, che ho coniato al momento (bravo no?) per adeguarmi alla moda americana di abbinare qualsiasi cosa alla perifrasi “Stay-at-home” (b? per la verit? soprattutto nell’ambito familiare …).

Quindi cosa fa un S.A.H.E. messo parecchio ma parecchio male con l’influenza di quest’anno durante una giornata in cui ? apparso anche il sole dopo giorni e giorni di pioggia ?Visto che l’attivit? che lo stanca di meno (stare a letto sembra farmi pi? male che bene e qui si capisce tutto), ? battere sui tasti dell’iBook, allora compie nell’ordine le seguenti operazioni :

  1. Dopo aver avviato il Mac, controlla la sua posta personale, ridendo e facendosi anche scappare una lacrimuccia, GDE 🙂
  2. Dopo aver googlato un p?, mette a posto il fastidioso errore “undefined symbol: gzopen64” e inizia l’ennesimo update del vetusto ma affidabile server Debian/Unstable
  3. Accede al sito di Repubblica.it, dove legge e approva l’articolo di Giannini sull’ennesima figuraccia della politica italiana (o forse della magistratura ? Cosa cambia ?)
  4. Ri-scopre il Blog di Beppe Grillo e decide che legger?, in ritardo sui tempi, anche quello di Corrias/Gomez/Travaglio. A tal proposito un permalink ? d’obbligo !
  5. Malaguratamente, apre la webmail dell’ufficio, cos? … tanto per vedere quanta merda gli toccher? spalare al suo ritorno e, con rammarico, osservando i piccoli problemi che “ingiustamente” si scaricheranno sui colleghi(Deja-vu)
  6. Affronta con piglio deciso le quotidiane 4-5 puntate della 3za serie di “24”, ricordando di averla vista quasi tutta in TV, ma tant’?, occorre tappare i buchi !
  7. Risponde ai continui SMS di auguri che continuano ad arrivare comunque (e meno male !)
  8. Cerca invano di consolare la mamma lontana … che siamo pur sempre Italiani e i figli so sempre “piezz’e core” (dovrebbe essere corretto … si attendono conferme da esperti napoletani).
  9. Si stanca del tema del suo inutile Blog e decide di ritornare ad uno pi? minimale e meno “giovanile” 🙂
  10. Riposa un p? … e si siede a riflettere … lasciando che Last.Fm faccia la sua parte 🙂

HASTA

Long road to … Lourdes.

Ecco ad un certo punto ieri sera, abbiamo proprio pensato che fosse arrivato il caso di fare una deviazione : stavamo tornando da Milano a Pisa, ma c’? venuta proprio voglia di deviare verso un qualsiasi santuario aperto … tanto cos? per chiedere PERCHE’ ?!?

La storia … comincia domenica sera, a Bologna. Il contagio ? partito, e non c’era Jack Bauer n? il CTU ad aiutarci 🙂 Comunque, il periodo di incubazione si ? rivelato di circa 24 ore, nel senso che luned? sera stavo gi? di merda … si proprio di merda. Allora che si fa di solito in questi casi? Si esce prima dal lavoro … questo ? fallito. In alternativa ci sono le farmacie di turno … quindi si aspetta al freddo che arrivi l’ora e si ritira un p? di Zerinol e un p? di vitamine. Di seguito si ingurgita una cena pi? che cattiva (tanto stai talmente male che anche se mangiassi nel migliore ristorante di Milano non sentiresti alcun sapore), e ci si ritira ad impasticcarsi, sperando nella debolezza del virus pi? che nell’effetto delle medicine. Queste ultime mi regalano 2-3 ore di sollievo, ma la mattina mi rivela tutta la gravit? della situazione. In sostanza decido di rientrare alla base, e quindi chiedo la collaborazione di un collega che mi aiuter? a portare l’auto. Ancora, in questi casi cosa si fa?Si parte presto no?Ecco, anche questo ? fallito, siamo partiti alle 20:00, ma ancora non sapevamo cosa ci aspettava. Dopo la solita cena frugale nel nostro Autogrill preferito, ripartiamo in fretta, c’? ancora tanta strada da fare. Peccato che , dopo una prima avvisaglia presso la famigerata curva L., all’incirca a met? dell’Autostrada della CISA, la mia povera Golf decida che ? venuto il momento di farsi una frizione nuova, senza tuttavia darci un minimo di tempo per accorgerci che non possiamo pi? cambiare le marce ! E allora, tra me che boccheggio e ansimo per i dolori ai bronchi e al mio collega che bestemmia (eravamo tra l’altro in un tratto con lavori e senza corsia di emergenza!) riusciamo a fatica ad innestare la 4ta, che , tra mille scongiuri ci porta fin quasi a destinazione. Sapevamo di dover affrontare un grosso scoglio per?: il casello dell’autostrada ! Ecco, riusciamo a pagare, ma , come sospettavamo la 1ma non si innesta per ripartire ! Panico, la sbarra si richiude … il casellante non risponde alle nostre chiamate… se non dopo 15min. … la sbarra si riapre e riusciamo a ripartire inserendo a spinta la 2da che ci porter? fino al piazzale dove recuperiamo l’auto del mio collega. A conclusione della serata, ? quasi mezzanotte e siamo in viaggio dalle 20, facciamo una capatina alla guardia medica dove mi becco un’iniezione di cortisone e una bella prescrizione di antibiotici per i prossimi 5 giorni.

E poi… venitemi a dire che questo ? l’anno del Capricorno !!! Ma vaff …

UPDATE: la Golf ? gi? in riparazione, oggi non sto tanto meglio di ieri, ma almeno sono a casa … bel compleanno che mi aspetta domani. E pensare che tutti e due l’avevamo pensata diversamente vero P. ?? 🙂 Facciamo finta che …. shhhhhh !

HASTA

No one's to blame …

E cos?, bene o male … decidete voi, ci siamo lasciati un altro anno alle spalle. Tra pochi giorni compir? 35 anni (!?!) ma si sa ( o pi? spesso “si dice”) che non conta l’et? anagrafica, ma l’et? che ti senti dentro. B?, se ne dicono di cazzate … , mi alzo stracco la mattina, se bevo un p? pi? del solito mi viene subito il mal di testa, ho smesso di fumare perch? a momenti non ce la facevo nemmeno a salire le scale di casa. Uhm , si potrebbe dire che in qualche modo c’ho guadagnato, ma in ogni caso, come recita il titolo del post, non ? colpa di nessuno se il tempo passa no ? L’importante ? che, con l’aiuto di nonsochi , siamo tutti ancora a sbraitare, agitare le braccia, saltellare … continuiamo a danzare, danzare, danzare . Perci?, se non avete nulla da fare gioved?, brindate alla salute 🙂

Un p? di cose che sono spuntate fuori, in questi primi scampoli del 2008 (questa ? una lista non ordinata, e sensa alcun senso logico … come dice qualcuno, ? sintomo che non sai bene cosa scrivere, o anche, ma non ? una scusa, che i server del tuo “provider di blog”, fanno da troppo tempo le bizze e quindi ti ritrovi con pezzi di post da attacare insieme):

  • E’ tornata la “munnezza” a Napoli. Ora, non ce ne frega nulla di sapere di chi ? veramente la colpa, se di Prodi che avrebbe dovuto sapere oppure dei soliti ignoti … per favore, in nome del Cielo, facciamo pulizia.
  • Bill Gates esce di scena (se cos? si pu? dire) in maniera a dir poco esilarante … e per di pi?: ma Slash non ha altre camicie a disposizione ? Sono ANNI che lo vedo sempre con la stessa !
  • Slash e Bill Gates al CES 2008
  • MB ha smesso di condurre Dispenser gi? da un p?, ma bentornato (almeno dalle mie parti) dalle pagine e dai podcast di Condor.
  • Per favore, aiutiamo Catanzaro ad essere una citt? migliore … ehm, no … non intendevo usare il Napalm, volevo dire: se c’? un divieto di accesso (serve che riporti il segnale stradale?) vuol dire che non si passa, che ? ZONA PEDONALE CAZZO!, se ogni tanto nei cinema ci mettessero delle rampe per disabili anzich? soltanto le SCALE non sarebbe male no ? Se quando si scava per lavori stradali, e si trova qualcosa di “pi? o meno antico e/o storico” ritrovassimo anche l’orgoglio e ci mettessimo un cartello qualsiasi, che so , 2 righe per dire: “guardate, stiamo lavorando per recuperare questi 2 ciottoli ammuffiti”… che ne so… non sarebbe male no ? Meno male che, a parte alcuni errori di visualizzazione con Firefox (vi siete accorti che ? il browser pi? usato in questo momento?) , siamo felici di poter dare il benvenuto ad nuovo portale che ci sembra molto interessante (il fatto che sia riportata una foto dell’ingresso laterale del giardino di casa mia non ha influito in alcun modo sulla pubblicazione di questa notizia!)
  • Questo e’ l’anno del Capricorno… lo dicono tutti … visto che questo post ? ormai vetusto (non vorrei dire postumo anche se ci siamo andoati vicini) … leggete il prossimo post per capire se ci credo a questa valanga di cazzate …

E qui mi fermo…per ricominciare …

HASTA

2008 ? l'anno ….

Grazie 🙂 Buon anno a te … e a tutti quanti noi, auguri di un 2008 felice e un p? meno incasinato … o forse un p? pi? incasinato … ma volontariamente !!

PS: come fai a dire che non sei bellissima ? 🙂

HASTA

Meno 5 … meno 4 … meno 3 … meno 2 … meno 1 …

Per sorridere …

Due cose che mi hanno fatto sorridere in questi giorni :

Dalla Newsletter dei Dresden Dolls

To our dear dear friends in Melbourne:
Fuck hotels.
Would you like to house some starving artists for ten days? December 5-15.
Let us know!
It’s going to be me + 4 members of The Danger Ensemble and we will give you free merch and tickets to the Spiegeltent up the wazoo and turn your home into an art palace. Well, that’s a lie. We’ll mostly be just sleeping there.
We need relatively comfy accommodations for 5 bodies.
We don’t mind sharing beds, but you’d need at least 3 beds.
Wireless and tea kettle a wicked plus. We like cats. We like dogs.
We’re willing to get creative.
If you know of anybody leaving town, or with a space in general that can be made hospitable for 10 days, let us know. Even more amazing would be if the space is large enough to move around and rehearse and film in. We like getting jiggy and filming.

Where? Um. The nearer to the venue the better.
The tent is at: The Arts Centre Forecourt, 100 St Kilda Rd, Melbourne. Right downtown.
Walking distance would make us so happy, but if we need to drive to the gigs, we have a van.

Per la serie … non potevano capitare dalle parti di Cascinaprovinciadipisa?

E poi … dalla newsletter di Laura Veirs

Hey all,

Laura is accepting music students in the Portland, Oregon area. If you are interested studying guitar, banjo or songwriting with Laura, please email me at yourheartbreaks@hotmail.com and I will pass along her contact information.

She’s teaching lessons in a rad backyard studio with a wood-burning stove and French doors to her garden. It’s lovely place to learn music and Laura’s a great teacher.

Happy Holidays,
Clyde
yourheartbreaks@hotmail.com

Here’s lesson info from Laura:
******************************

********
Guitar, Banjo and Songwriting Lessons
$50/hour
Alberta Arts District location
**************************************

What I Teach:
— Guitar: country-blues, folk finger-style, rock, pop songs, music/chord theory, singing and playing at the same time
— Banjo: clawhammer/old time songs with an emphasis on singing and playing
— Songwriting

Teaching Philosophy:
Over ten years of teaching private lessons I’ve found that this method works: Listen, play and record.
Listen — We listen to a recording of the song you want to learn.
Play — With chords and/or tablature as a visual aid, you play through the song slowly.
Record — I record the song slowly for you to play along with at home.

Each week I give specific homework for students. Songwriting students are encouraged to use “The Artist’s Way” as a supplemental text.

Every few months we have “Star Parties” where all my students gather together to present the music they’ve been working on. These parties tend to freak out some students but ultimately give them a sense of accomplishment and camaraderie.

Per la serie … vabb? che volevo imparare a suonare la chitarra … di nuovo, non poteva capitare dalle parti di Cascinaprovinciadipisa ?

Il mondo ? piccolo …

HASTA

A volte ritornano …

Scusate … c’ho messo un p? per ricollegare …

33.jpg

Da Oz …. a LOST !!

E… sorpresa delle sorprese ….

0000000802_20060919024600.jpg

Da Oz a LOST !!!

HASTA

Per essere Natale, ? Natale … per? …

Se vi sorgono dubbi anche sull’utilit? del Natale, non solo come momento di festa ma anche come pausa di riflessione e riposo e <virgolette>bilanci</virgolette>, allora benvenuti nell’anno 2007. Non accendo la TV: so che mi annoierei. Finisco di guardare vecchie serie TV che nessuno ha mai sentino nominare. Non ascolto musica nuova (non molta se non altro) : so che non avrei il tempo di assimilarla e apprezzarla per come meriterebbe. Non alzo il telefono per chiamare gli amici: mi sembra (e qui sicuramente sbaglio, perci? non ve le prendete … ma le impressioni sono brutte da combattere) che tutti abbiano fatto “la cosa giusta”. Che cosa sia questa cosa giusta, b? non lo so dire. Caso per caso potrebbe essere una scelta di lavoro, una scelta di compagno/compagna , anche solo una scelta qualsiasi. Mi sembra che anche la persona “peggiore” (ma chi sono io per giudicare) di questo mondo, abbia fatto qualcosa che io non sono in grado di fare: scegliere da che parte stare. Se stare con me stesso, e allora pensare solo a quello e , forse, alla fine essere utile anche a qualcun altro. Oppure essere come adesso, che , per non voler scontentare nessuno, finisco inevitabilmente per scontentare tutti e pi? di tutti me stesso. Contorto vero ? La vera verit? ? che , a quest’et? bisogna fare poche cose, possibilmente una alla volta , e farle bene, con convinzione e se possibile con lungimiranza, pensando ai prossimi anni, pensando al respiro che mancher? e alle ossa che faranno male. Questa non ? rassegnazione, ? solo un auto-invito allo slow-down dell’attivit?. Un invito alla riflessione e alla calma, ch? ci fanno correre troppo e troppo spesso … e se ci mettiamo anche noi a fare come loro ? Che succede ? Che succede se cominciamo a pretendere dagli altri quello che, ad esempio, pretendono da me sul lavoro ? Che succede se cominciamo a ragionare tutti in termini di “resa” di qualsiasi cosa/persona ? Che succede s i limiti si alzano e tutto si f? pi? veloce ? Io comincio a non vederci pi? bene come una volta, e questa ? una realt?, perch? ho bisogno di nuovi occhiali, ma ? anche una metafora … perch? non vedo …

Forse sono stato un p? troppo pessimista … ma chi se ne frega, ? cos? che va no? Shhhhhhhhhh… spegnete quella cazzo di lagna, devo riposare. Finire … per poi cominciare …

Cigarettes, Wedding Bands – Band of Horses – Cease to begin (2007)

Working man’s day wage, just piss it away
Leaves it out in the weather

Failure, he said, times two breeds contempt
Wash your hands of it forever

Violence it ripped through the old dogwood fence
See the hope, see it unravel

Drunk brother said he could reason with them
While they lied at night, they lied at night, ??
While they lied at night, they lied at night, ??

The picture was left on the front porch, well that’s it
I love you, don’t you ever become ??

My body knows there’s a hell with my soul
We don’t even know the difference

The dead folks in the clouds, for crying out loud
While they lied at night, they lied at night, ??
While they lied at night, they lied at night, ??

And why, did we live so long
So long
So long

The house is not the same since we left it that day
Old friends seem to wonder
Our parents had cigarettes, wedding bells
While they lied at night, they lied at night, ??
While they lied at night, they lied at night, ??

And why, did we live so long
So long
So long

While they lied at night, they lied at night, ??
While they lied at night, they lied at night, ??
While they lied at night, they lied at night, ??
Oh….

HASTA

Abbiate pazienza …

Eh si … ci vuole pazienza.

Abbiate pazienza :

  • Perch? non vi ho telefonato … scusate, cercheremo di essere pi? presenti. Non vi metto in ordine , per me siete importanti e sono io che sto in difetto.
  • Perch? mi girano, e mi sbalza l’umore … e sono 3 giorni che il “benedetto” oroscopo di Linda Wolf (Radio2, mattina presto… molto presto…troppo presto) me lo ripeto.
  • Perch? non ? giusto che mi sia dimenticato di voi , e non ? giusto che mi sia dimenticato di tante cose che posso fare .

Non esiste una regola sui post “per-fare-ammenda”, cos? l’unica cosa che posso fare ? segnare questo giorno su Google Calendar e ricordarmi di ricordare che ho dimenticato alcune cose e/o persone. Datemi una lavagna e un “gessetto bianco“, segner? i vs. nomi e li canceller? dopo avervi risentito e “servito” … ? cos? che fanno i bravi “manager” … hanno in mano la propria vita … se non altro. Io .. a quanto sembra, nemmeno quella …

Manager nella nebbia – Amari – Scimmie D’amore (2007)

Forse mi vergogner? un p? quando non ricorder? i vostri nomi, ma portate pazienza, io vivo nella nebbia, abbiate pazienza, quando quei ricordi grattano alla porta li chiudo in un cassetto, finch? non bruciano pi?. Sono manager nella nebbia, quanti amici ho perso nella nebbia, quante luci ho seguito nella notte, schivando alberi e pali, sono manager nella nebbia, quanti amici ho perso nella nebbia, quante luci ho seguito nella notte, cercando cartelli stradali. Prendermi a schiaffi per restare sveglio, sgolarmi con il finestrino abbassato, forse per vedere meglio, ho attraversato il confine in un’epoca in cui mangiare schifezze era una festa, eravamo ai bordi della foresta, quanto era bello quando ci bastava, questo ci bastava. Ho preso il cuore e l’ho nascosto sotto un mucchio di foglie, a volte canta da laggi?, sussurra forte come pagine di un libro, sfogliate.

Currently Listening to :

PJ Harvey – White Chalk

Overkill River – The stage names

Amari – Scimmie D’amore

Cristina Don? – La quinta stagione

HASTA

Get well soon …

Si dice cos?, quando auguriamo a qualcuno di stare meglio. In questo caso, voglio dire nel caso di questo mini-post (si autoconcluder? in 30 secondi pi? o meno) .. dicevo in questo caso ? pura auto-induzione … nel senso che, egoisticamente, mi auto-auguro (non so nemmeno se si possa dire , mi ci vorrebbe una prof. di italiano in aiuto ) di stare meglio, e di riuscire per lo meno a scrivere che so… una volta ogni 2-3 giorni. E’ che di cose ne succedono, ma da queste parti si ha poco tempo per raccontare. Ed ? brutto, ? triste, per chi, come me, ha sempre avuto voglia di stare a sentire e ancora pi? voglia di raccontare, anche quando significasse solo citare due gruppi strani che abbiamo scoperto, o un posto strano dove ci siamo incontrati, o una telefonata strana che abbiamo ricevuto, oppure del fatto che proviamo ad usare l’interfaccia di post di Flock. Chi si ferma ? perduto… ma che succede se ti senti perduto anche se non ti fermi un attimo ? Allora forse … ti devi fermare … naaaaaaaaaaa… no way, ci rimettiamo in corsa la prossima settimana, promessa fatta NOW (gi? come life is now) .

Hasta

Blogged with Flock

Tags:

Writer's block …

Ci penso spesso a questo blocco … sar? dovuto al fatto che veramente non hai niente da dire oppure … oppure s’affaccia l’attualit? : sar? dovuto al fatto che non hai mai tempo ! Tempo, ne vorremmo sempre di pi? … a volte mi farebbe comodo, altre volte penso “kissenefrega” … Adesso sono pi? sulla seconda opzione: tutti quanti facciamo tante cose, facciamo forse troppo, facciamo delle cose buone e delle cose meno buone, facciamo il nostro lavoro, lo facciamo spesso bene , altre volte meno bene. Io per? sono sicuro di una cosa, che ancora non ho messo nella lista che ho appena fatto : facciamo quello che possiamo … con il tempo che abbiamo. M’? capitato di avere pi? tempo a disposizione, come spesso mi capita di averne meno, ed il risultato ? A volte si sputtana tutto lo stesso … quindi , per me conta quanto bene e con quanta forza vuoi fare “bene” una certa cosa (casa, lavoro, amicizia, amore … quello che ti pare)… arriva il momento in cui il tempo finisce e lo spazio ti manca e le energie vacillano … che fai ? Ti metti a pensare se avessi pi? tempo ? Io no.. io mi metto a pensare che qualcosa ho combinato, che avr? … ci? che mi spetta, e se non lo dovessi avere lo chieder? a me stesso e al mio tempo, a quello che davvero ho per fare le cose, non a quello che potrei avere. Se avessi pi? tempo …lo userei per … sprecarlo molto probabilmente … come spesso faccio !

Basta seghe mentali ok ? In questo momento … si proprio adesso … starei bene anche se fossi solo un “pet life saver” :

Sperando di avere pi? tempo 😛 (ok ok scherzo) nei prossimi giorni … intanto posso segnalare queste scoperte “made in Dublin”

Ham Sandwich .. ovvero come arrivare tardi al concerto e perdersi il gruppo pi? divertente dei 2 in programmazione quella sera … gli altri erano The Flaws . Inoltre ci siamo fortissimamente divertiti al concerto di Kevin Drew e dei suoi simpatici amici Broken Social Scene 🙂 La “paraculata” finale di cantare “Where the streets have no name” … a Dublino … non stona affatto in uno show divertententissimo e all’insegna della pazzia del cantante e dalla voglia di suonare senza fermarsi del resto del gruppo ! Alcune canzoni suonano proprio … da Dinosaur Jr … infatti c’? stata di mezzo anche una bella cover … e scoprite l’intruso nel video di Kevin 😛

HASTA

Time to say …

Eh… allora, solo per riassumere i trips dei prossimi giorni, nonch? quello appena concluso 🙂

1)Stasera rientro da Dublino … la cronaca, arricchita da multimedia, nei prossimi giorni.

2)Domani sera partenza per Milano, rientro gioved? (speriamo presto !)

3) Venerd? partenza per Bologna, (si ma meglio qui )

4) Sabato, “visita” pi? o meno guidata di S. Benedetto val di Sambro

Perci? … il titolo del post non poteva che essere “Time to say …” aggiungeteci voi quello che volete … per me soprattutto “Time to say … hello, i’m back :)”

HASTA

Cos it's time to bring our fire down …

Che non ? proprio come dire “fuoco cammina con me” … ma ci siamo vicini.

Updates dalla terra di mezzo, o meglio dalla terra del caos… qui si ? combattuta una battaglia, una dura lotta contro l’invasore, che, con astuzia e perizia aveva prontamente conquistato parecchie postazioni sul territorio. I nostri eroi , P&G&M alla fine per? hanno avuto la meglio, riuscendo a sopraffare con la forza numerica il cattivo di turno.

Restano sul campo parecchi disastri comunque, si sa … dopo una battaglia bisogna ricostruire. Quindi, P&G si godono un meritato riposo mentre io, spugna in una mano e spruzzino nell’altra, mi aggiro disperato (non so da dove cominciare !!) per casa, cercando di ripulire per bene, anche se il tempo manca e sfugge …

E’ una domenica “uggiosa” qui dalle nostre parti, non ho ancora fatto colazione e sento come se mi dovessi spostare un p? da queste zone, per trovare un p? di “luce” 🙂

Quello che succeder? … marted? si consumera l’ultimo (!?!) atto? della storia infinita tra noi e “il dottor C.” , in tribunale. Questa , per quanto sarebbe troppo lungo raccontare, ? una delle tante storie “assurde” di questi tempi. Per? noi abbiamo ragione e personalmente vorrei tanto che si chiudesse al pi? presto tutto ci?, per lasciarci dietro l’amarezza e la tristezza che questa storia di ingiustizia ha lasciato a noi ma soprattutto a mio padre.

Quello che succeder? … ? arrivato il momento di chiudere un altro paio di cose “pratiche” … che si trascinano sulle pagine della Moleskine e non ho pi? voglia di riscriverle … ma tant’? , siamo pur reduci da una guerra eh ? Che credete che stiamo a far nulla ? 😛

Quello che succeder? … si avvicina il LD 2007? anche se non penso di essere in grado di proporre qualcosa quest’anno , uhm … ci potrei anche pensare . Sicuramente bisogner? che mi dia un p? da fare, la latitanza comincia a pesare !!! (soprattutto a me, non intendevo dire che bisogna che ci vada “per forza”)

Quello che succeder? … succeder? che una buona volta mi metto a scrivere sul serio 🙂 E non qui ….

Quello che succeder? … succeder? che ci vedremo, e ancora e ancora … succeder? che capiremo … forse, quello che sta capitando … succeder? che “i giorni passeranno ma? non ti porteranno lontano” … succeder? che “canteremo” ancora … succeder? che sar? ancora bello come adesso … succeder? … e tu ? Cosa vuoi che succeda ? 😛

HASTA

Everything in its right place…

UPDATE 10/9/2007:

Continua la saga dei post lasciati indietro “non finiti” e poi recuperati : cmq QUESTO E’ L’ULTIMO … perch? questo Blog … ha svoltato 🙂 (vero A. ??? 😛 ”

Cos days don’t get you far when you’re gone

“, G.d.E. … e cos? sei costretta a chiedermi che cosa voglio dire 🙂

A presto 🙂

Una sigaretta ? Si, mi piacerebbe emb? ? Finita la preparazione per? … non adesso … intanto faccio un p? un giro per la rete, era da tanto che non ci riuscivo. Quindi … anche se le notizie non sono proprio di prima mano … ecco cosa mi ? capitato (nel bene e nel male ..)

  • Il 25/09 uscir? finalmente “Immagine in cornice” , il DVD che racconta le date italiane del tour 2006 dei Pearl Jam. Ricordo di essere stato 1/2 ripreso a VR, ma so che non verranno incluse quelle riprese … comunque l’attesa ? tanta, un attesa carica di ricordi, qualcuno bello , qualcun altro meno. Nel frattempo i vecchi PJ sono stati costretti ad affrontare un altro “colosso”, AT&T che ha censurato parte di un loro concerto a causa di alcune frasi contro Bush. Evviva la “NetNeutrality” …
  • Il 14/09 invece, uscir? il film dei Simpson 😛 Mi sono un p? divertito sul sito ufficiale a creare un “avatar” in stile “gialli” che mi somigliasse, almeno un pochino … che ne dite ? Ci sono riuscito ?

Il mio Simpson Avatar

  • “Che Italia siamo diventati?”? forse la domanda pi? giusta che poteva saltare fuori in questo periodo … in questi giorni di Gemelle K … i fotomontaggi sono divertenti, ma io la smetterei, queste fanno i soldi in questo modo !! No ? Vogliamo continuare a far loro un altro p? di pubblicit??
  • Avrei voluto farla prima … parlo della lista delle inutilit? Web 2.0 . Inkiostro ha gi? fatto una discreta analisi, e, riguardo la situazione delle email , qualcosa si pu? trovare anche su Nova (inserto del Sole24Ore) … personalmente non credo che l’email sia diventata inutile (gi? , tra tutto lo spam legale e illegale che arriva purtroppo si potrebbe pensare che non sia pi? un metodo efficace per comunicare) , e trovo comodo Flickr e Youtube . Non sono ancora convinto dell’utilit? di Jaiku e Twitter … magari quando riuscir? a usare uno dei due da un terminale mobile … per ora parteggio per Twitter comunque 🙂 C’? anche chi prospetta per questo software un uso addirittura in azienda !! Si .. ce li vedo proprio alcuni miei colleghi a “twitterare” le “bestemmie” quotidiane. A parte una prima “infatuazione” mi sono invece stancato di Facebook (troppo “american college oriented” ) e del super-cool Virb , anche se quest’ultimo continuo a seguirlo ogni tanto … casomai ci scappa qualche gruppo interessante (ad es. non conoscevo Feist e ora ? una delle mie preferite grazie anche al fatto che ? tra i miei “amici” in Virb). Su Myspace … mi astengo … per ora … sto ancora cercando di capire se mi piace o no … certo c’? veramente della gente assurda … persone assurde a giudicare da come sistemano le pagine e, soprattutto, dall’accozzaglia di “amici” che ogni tanto mi capita di vedere … alcune facce ormai le vedi a rotazione su tutti i profili … impari a riconoscerle … per quel che mi riguarda continuo a pensarlo come una specie (molto primitiva” di aggregator di notizie sulla musica che provo a seguire … mi capita di parlare con qualcuno ogni tanto … ma … ancora mi piazzo negli indecisi !! Sono un fan invece di Last.Fm, che ,? vero, tende essenzialmente a categorizzare anche l’impossibile 🙂 per? ? divertente e soprattutto ? costruito molto molto bene per quello che ne posso capire io . Cosa rimane ? Ah gi? … Anobii … anche quello ? un’infatuazione abbastanza recente … per? promette bene, se solo riuscissi ad importare qualcosa dal plugin “Now Reading” … mi tocca inserire a mano i libri che ho gi? letto 😛
  • Quest’immagine mi ha fatto sorridere … e anche un p? pensare … ricordare … e poi pensare che forse non ? ancora venuto il momento di appendere tastiera e mouse al chiodo … per? avrei bisogno di un PC nuovo 🙁

Half Life, Full Fun :)

  • Si , vabb?… Guitar Hero ? una cosa … Rock Band invece … 200$ ??? Naaaaaaaaaa …

Che faccio ?? Lo compro ?? e poi chi viene a suonare con me ? Al massimo posso trovare qualcuno che ME le suoni 😛

HASTA

Mogwai@Marea 2007(con forte ritardo … Part 2)…

Già, che ce ne facciamo ora, a più di 2 mesi di distanza, di poche righe sui Mogwai … bé voi non ve ne fate niente, io riprendo in mano qualche vecchio disco e qualche foto recente e , intanto, cerco di non buttarmi giù per l’imminente fine di questa estate.

Già, che ce ne facciamo di questi 5-6 scozzesi all’apparenza dimessi e svogliati. Bé, forse dimessi … forse svogliati (il concerto non è stato all’altezza di quello di qualche anno fa (ai tempi di “Rock Action” per intenderci, che mi aveva tolto l’udito per 3 giorni) … ma non si può dire che questi “ragazzi” non ci sappiano fare. Nessuno inventa più niente, tutto è copiato … ormai tutto si appiattisce … bé io continuerò ad andarci ai concerti dei Mogwai, e se dovessi perdere l’udito del tutto , almeno cavolo che sia colpa di “Mogwai Fear Satan” 🙂

Mogwai@Marea 2007

Questa è mia … questo no :

HASTA

Death is certain, Life is not …

Si vede che ho iniziato a vedere Oz ?Uhm… non so , comunque la citazione viene da questo telefilm fine anni 90 che “sgranocchio” tra una cena, una pennica, appena ho un p? di tempo libero insomma.

Bene, nonostante il titolo possa sembrare truce, in effetti ? proprio questo senso di incertezza che mi ha un p? rimesso in moto. Rimesso in moto dopo 2 settimane di relax, e ributtato nella mischia di un lavoro che, ogni giorno di pi?, riserva sorprese negative e cambi di direzione improvvisi. La domanda ? (ed ? sempre stata in effetti) : voglio davvero continuare cos? ? La risposta ? semplice, NO. Al momento non me la sento di continuare a lamentarmi. Qualcuno mi ha insegnato che se non puoi proprio lamentarti se non fai nulla per cambiare le cose. Sembra una banalit? ma sono sempre stato un campionissimo in questo sport, ora direi che non m’interessa pi?.

Ho dei programmi … li metto in atto e cerco di sfuggire.? Ho fatto una settimana …b? diciamo i giorni dispari va … di preparazione con una squadra di C5 … ho superato praticamente tutti i miei limiti … quest’estate pensavo di essere andato bene , ma sono andato anche meglio 🙂

C’? in programma una lista musicale, a beneficio di una nuova amica, che ricambier? con una lista letteraria.

C’? un progetto di un nuovo blog a 4 mani … ma questa ? un’informazione riservata, se ve la dicessi poi dovrei uccidervi : TUTTI !! 🙂 A parte tutto ? un’idea troppo divertente e bisognerebbe davvero infondere pi? energie. Intato abbiamo sistemato un p? l’interfaccia, i contenuti verranno ne sono sicuro dato che conosco la mente “malata” degli autori 🙂

Vogliamo scommettere che questa ? la volta buona ? Per un mucchio di cose !

HASTA

Update: questo ? un vecchio post, iniziato qualche giorno fa. L’ho portato alla fine perch? era giusto cos? …

Rieccomi …

La vacanza ? finita, si ricomincia domani 🙁 Per ora lo shock da rientro non mi ha colpito pi? di tanto (si … ok, ora esco a bere per dimenticare d’accordo 😛 ).

Immani casini mi atterriscono dalle email che ho sbirciato velocemente stamattina, lo so che non avrei dovuto ! Eppure, so di aver accumulato un p? di carica ed un p? di “sanit? mentale” in queste 2 settimane… perci? : ALLA CARICA !!!

HASTA

Sl?n agaibh …

E cos? adesso sapete come si dice arrivederci in Gaelico…magari sar? di buon auspicio per Dublino !

Per ora siamo diretti in Calabria? !

Che la forza sia con voi … per 2 settimane? stacchiamo (o quasi) 🙂

Hasta

Ho bisogno di bere …

My Alcoholic Friends – The Dresden Dolls – Yes, Virginia

I?m counting back
the number of the steps
it took for me to get
back on the wagon of the weekend

I?ll use the autotimer to prove that
I’ll get home with my imagination
if they find the body in the basement
?in the very house that she was raised in!?

I?m taking down
the number of the Times
so when we get the sign
from god I?ll be the first to call them

I?m taking back the number of the beast
cause 6 is not a pretty number
8 or 3 are definitely better
a is for the address on the letter
to my alcoholic friends

I?m trying hard
not to be ashamed
not to know the name
of who is waking up beside me
or the date, the season or the city
but at least the ceilings very pretty
and if you are holding it against me

I?ll be on my best behavior
taking shots for mother nature
once my fist is in the cupboard
love is never falling over

(1,2,3,4)

should I choose a noble occupation
if I did I?d only show up late and
sick and they would stare at me with hatred
plus my only natural talent?s wasted on my alcoholic friends
my alcoholic friends
the party never ends
my alcoholic friends

HASTA

Probabilmente …

Probabilmente ? l’ultimo post prima di 2 settimane di MERITATO (uppercase!!) riposo , lontano dalle tastiere e dai testers 🙂

Ok… per prima cosa, la “famosa” compilation, ecco non so se riuscir? a masterizzarla, quindi tramutiamola in una lista di quello che sto sentendo/apprezzando in questo periodo … let’s go(l’ordine ? casuale) :

  • Dresden Dolls – Yes, Virginia. In particolare Backstabber ? l’ “inno” del momento, anche grazie a questo video :
  • Petrol – Dal fondo. Perch? dal fondo riparto ogni giorno, e non sto scherzando, specie in quest’ultima settimana. (In compilation : “Il nostro battito del cuore”)
  • Il teatro deglio orrori – Dell’impero delle tenebre. Vorrei davvero esistesse un “carroarmatorock”.(In compilation : “Carroarmatorock”)
  • A toys orchestra – Technicolor dreams. Non riesco (almeno adesso) a pensare ad un nome pi? bello per un gruppo … che vi devo dire, grazie ! grazie per l’allegria e la gioia che portate :).(In compilation : “Letter to myself”)
  • Interpol – Our love to admire. Ho ascoltato “abbastanza bene” il nuovo disco … mi piace anche se all’inizio non sembrava niente di eccezionale !! Il disco ? bello ! A novembre dopo 2 anni spero di poterli andare a rivedere.(In compilation : “Rest my chemistry”)
  • Editors – An end has a start. Nonostante la “mezza caduta” della prima traccia (sembra una canzone dei Coldplay :(( ) anche gli editors hanno fatto un buon lavoro, peccato non abbia visto (per ora) alcuna possibilit? di concerti ! Sono bravi e , per quanto mi dispiaccia dirlo, se dovessi scommettere su qualcuno, b? gli Editors avrebbero gi? molte pi? possibilit? dei “nuovi” Block Party ad es. mentre gli Interpol non si toccano 😛 (In compilation : “The racing rats” … si lo so … scelta strana … mi piace perch? ? proprio una specie di marchio di fabbrica !!)
  • Artic Monkeys – Favourite worst nightmare. Rabbia … rabbia, 20 anni e quest’album, non c’? una canzone brutta !! E che cazzo … vergognatevi 🙂 (In compilation? : “Do me a favour”)
  • Battles – Mirrored. Non riuscite a svegliarvi la mattina … io ho provato di tutto (o quasi) … ma in macchina in questi giorni mi basta mettere la traccia 4 (“Tonto” … si s’intitola proprio cos?) e mi rimetto subito in corsa 🙂

Uhm..pu? bastare …b? deve bastare per stasera … si ? fatto troppo tardi e domani sar? una giornataccia … per? non ? detto che tra una maglia infilata in valigia, una birra e un altro disco nuovo … non riesca a fare una capatina da queste parti anche domani.? Intanto vado a chiudere i 200-300 tab di FIrefox aperti sui soliti 200-300 siti di Social Networking – Web 2.0 che stanno diventando sempre di pi? una droga. Mi piace quello che ha scritto Veronica Belmont che , oltre ad essere decisamente un’esperta in materia … ? (diciamocelo) anche una bella t… tipina 🙂

Insomma dovr? decidermi … a Settembre oramai … anche io a stilare una lista di “inutlit? Web 2.0” …cos? non si pu? andare avanti 😛

HASTA

The final countdown …

A parte la citazione europeista … ci siamo quasi, ma attenzione, non si parte senza la Compilation Dell’estate … ci stiamo quasi arrivando eh !! Sar? pronta diciamo … per Mercoled? … il tempo di sentire le ultime cose e poi … b? e’ solo un esperimento e non ? detto che sia proprio una di quelle Compilation che “spaccano”, ma ? un buon inizio.

Intanto … lunga vita al rock italiano (no.. non sto dicendo a voi, Negramaro !)

Petrol – Dal fondo

Il teatro degl orrori – Dell’impero delle tenebre

P.S. : si … lo so Indio, finora ho parlato solo di un paio di sciagattati … la prossima volta ok ? 😛

HASTA

T.A.R.M.@Marea 2007 (con forte ritardo… Part 1) …

Con forte ritardo … tutto quello che posso dire ? … ok, meglio tardi che mai (eh… quando c’? bisogno la saggezza viene fuori !).

In ogni caso, quest’anno abbiamo voluto dare un’occhiata al Marea Festival visto che Fucecchio ? ad appena 15-20 minuti di macchina da dove sto io. Quindi, armato solo di Canon EOS 350D (solo si fa per dire !! ) e tanta buona volont? (visto che , per varie ragioni ero sempre solo !!!) ci siamo tuffati nell’atmosfera “ristretta” (si fa per dire) di questo Festival Toscano che , ormai ha comunque guadagnato un’ottima reputazione ! Posso solo dire che la reputazione ? pi? che meritata, l’area dei concerti ? molto bella, ricca di stand che coprono tutte le sfaccettature del tema dell’anno (quest’anno il tema era riciclaggio/rifiuti … bella la caffettiera gigante fatta di lattine 🙂 Insomma un’atmosfera accogliente e rilassata, un mezzo paradiso per i “concertari” desiderosi solo di una fresca sera d’estate, di una birra (anche pi? di una … ) e di buona musica.

Il cartellone quest’anno era ricco di cose che avrei voluto vedere, alla fine avevo per? deciso che alla mia portata erano solo 3 cose T.A.R.M. , Mogwai e Perturbazione.

Dunque … i ragazzi morti … “La seconda rivoluzione sessuale” me li ha fatti conoscere … a parte qualche cosa che avevo sentito qua e l? in questi anni . Prima del concerto mi sono fermato d ascoltare un p? Toffolo, Freak Antoni e (per me) altri 2 sconosciuti, che parlavano di Anni ’70 e contro-culture varie ed eventuali … la mia ignoranza totale in materia mi ha fatto allontanare abbastanza presto, diretto verso il palco 🙂

Marea - T.A.R.M. e Freak Antoni

Sotto il palco … si poga, si spinge … a dir la verit? non c’ho pi? l’et? per ste cose .. ma mi diverto lo stesso, proteggo la Canon e qualche spintone lo d? anche io 😛 ch? cos? si fa !! Per il resto El Tofo ? scatenato, la voce si fa sentire, i testi mi colpiscono … il giorno dopo sento gi? tutto quello che mi manca della compagnia dei Morti e del loro spettacolo “De la vida e de la muerte”.

Marea - T.A.R.M.

Si … lo so … questa fa schifo … ma poi con l’esperienza sono migliorato (seeeeeeee) vedere prossimo post su Mogwai e Perturbazione ….

Grazie Davide, Enrico, Luca … adesso c’? un “morto” in pi? che vi segue 🙂

P.S. : ho comprato anche la maschera-morto … se per caso vi capita di vedere una Golf blu-scuro targata CZ(si_col_cazzo_che_vi_do_la_targa) con un pazzo che guida di notte con una maschera da teschio…b? CAZZO ! fermatelo .. ? fuori di cervello sicuro 😛

HASTA

In bocca al lupo …

Giusto prima di stramazzare a letto, di ritorno dall’ennesima trasferta di lavoro, per? domani ? un giorno importante, perch? mia sorella va in vacanza per la prima volta nella sua vita DA SOLA ! 🙂 Una preghiera, anche in questi tempi in cui di pregare non abbiamo molta voglia, la facciamo volentieri.Anche pi? di una … centomila, al giorno ! Perch? tutto vada bene … e se non pu? andare bene bene , almeno che vada bene, e se non pu? andare bene, almeno che vada benino … e se … ok … sono sicuro che andr? bene 🙂 Incrocio le dita … tranne quelle che mi serviranno per chiamarti tutte le sere !

TVB

HASTA

Allegria … pussa via …

Eh si … stavolta ? andata 🙂 ci siamo scottati emb? ? Ah ..dove eravamo rimasti ? Uhm … un p? d’acqua sotto i ponti, molto pi? vino e birra 🙂

Accumulati …

1) N. 3 concerti al Marea Festival .. 3 Allegri Ragazzi Morti (recuperata maschera, usata nelle varie partite a Guitar Hero II), Mogwai (suonate pi? forte la prossima volta cazzo !), Perturbazione (alway the best !) . Le foto a breve 🙂

2) N. 1 matrimonio nella soleggiata campagna Toscana … passato a rivedere vecchi amici e a ridere … erano ANNI !! che non ridevo cos?. Anche qui ci vuole una completa documentazione fotografica … arriva no problem. Indio, qui ci siamo persi un paio di battute memorabili … bisogna che ci risentiamo presto che senn? vanno perdute , “come lacrime nella pioggia” (cit.)

E’ tutto un elastico, qui si tira e la stessa cosa si fa dall’altra parte. Come ho detto un p? di tempo fa, mi aspetto che prima o poi tutto questo si spezzi, facendo un botto immane, che invece di assordarmi magari mi risveglier?.

Si ? fatto un p? tardi, ma ritorner?, con tutte queste cose da raccontare. Intanto il tempo passa e, a meno di catastrofi immani, il 3/08 si torna a a casa 🙂 “Dead village” is waiting for YOU !!! Prima o poi dobbiamo farci un “corto” (a proposito, ma per fare i “corti” non bisogna studiare anni e anni ? Non bisogna avere una super-cultura ? Non bisogna vivere almeno un mese in un seminterrato a Manhattan ? Non si deve … uhm … non lo so , ma qualcuno che conoscevo mi si dice ora sia diventato “regista” di corti … mah il mondo va alla rovescia … e noi siamo diretti dalla parte sbagliata a quanto pare !)

Un p? di Youtube … male non fa …DOBBIAMO ORDINARE LE MAGLIEEETTTEEEE !!

Coin Operated Boy – The Dresden Dolls

coin operated boy
sitting on the shelf he is just a toy
but i turn him on and he comes to life
automatic joy
that is why i want a coin operated boy

made of plastic and elastic
he is rugged and long-lasting
who could ever ever ask for more
love without complications galore
many shapes and weights to choose from
i will never leave my bedroom
i will never cry at night again
wrap my arms around him and pretend….

coin operated boy
all the other real ones that i destroy
cannot hold a candle to my new boy and i’ll
never let him go and i’ll never be alone
not with my coin operated boy……

this bridge was written to make you feel smittener
with my sad picture of girl getting bitterer
can you extract me from my plastic fantasy
i didnt think so but im still convinceable
will you persist even after i bet you
a billion dollars that i’ll never love you
will you persist even after i kiss you
goodbye for the last time
will you keep on trying to prove it?
i’m dying to lose it…
i want it
i want you
i want a coin operated boy.

and if i had a star to wish on
for my life i cant imagine
any flesh and blood could be his match
i can even take him in the bath

coin operated boy
he may not be real experienced with girls
but i know he feels like a boy should feel
isnt that the point that is why i want a
coin operated boy
with his pretty coin operated voice
saying that he loves me that hes thinking of me
straight and to the point
that is why i want
a coin operated boy.

HASTA

Helpless …

Ho poco tempo ma ? un p? che non scrivo. Gli sforzi si intensificano in questo periodo, ma non posso dire di essere insoddisfatto. Riesco ad allenarmi, riesco a lavorare (pi? o meno) … tiro la corda, anche un p? credendo in forze che spesso non so dove riesco a trovare, ma ci sono. Le vacanze non sono poi cos? lontane, e quest’anno le affrontiamo con uno spirito diverso. Ho un p? di appuntamenti mancati … soprattutto concerti che non sono riuscito a vedere. Ho molte, moltissime storie da raccontare, ma l’iBook segna 42 minuti di autonomia, e forse il mio cervello ne ha anche meno. Perci? rimandiamo a sabato eh ? Quando sa? tornato da Milano, quando mi preparer? spe